Ius soli Papa, Meluzzi: "Ingerenza politica. Ne renderà conto di fronte a storia e Dio"

21 agosto 2017 ore 13:38, intelligo
Una posizione destinata inevitabilmente a far discutere. E tanto. Papa Francesco, nel suo messaggio per la Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato, che si celebrerà il 14 gennaio si è schierato esplicitamente a favore dello ius soli: "Al momento della nascita va riconosciuta e certificata la nazionalità e a tutti i bambini va assicurato l'accesso regolare all'istruzione primaria e secondaria". Bergoglio ha manifestato l'appoggio anche allo ius culturae in quanto chiede sia riconosciuto il diritto a completare il percorso formativo nel Paese d'accoglienza. Di posizione totalmente contraria lo pischiatra Alessandro Meluzzi che, intervistato da Intelligonews, critica duramente quanto affermato dal Papa.

Ius soli Papa, Meluzzi: 'Ingerenza politica. Ne renderà conto di fronte a storia e Dio'
Come giudica l'appello del Papa a favore dello ius soli?


"Penso che il Papa si dovrebbe pronunciare sullo ius soli nella città del Vaticano. Lì potrebbe distribuire passaporti a tutti quelli che vuole, visto che è uno Stato sovrano. Per quanto riguarda la cittadinanza nella repubblica italiana, invece, trovo che si un'indebita e gravissima interferenza, dalla legge delle Guarentigie a oggi".

Perché?

"Non si capisce perché il Capo di Stato di un Paese ospitato nel territorio italiano debba esprimersi sullo ius soli in Italia. Potrebbe farlo anche sullo ius soli in Francia, in Spagna o in qualunque Paese dove la Chiesa cattolica è rappresentata. Lo ius soli poi è una mostruosità in un momento di indiscriminata, violenta e pericolosa invasione afro-islamica. Al di là del contenuto specifico, che porterebbe a infinite faccende, rappresenterebbe un impulso ulteriore a trasferirsi senza controllo in Italia per milioni di persone. Quindi è una cosa sbagliata, pericolosa, illegittima e con esiti esiziali su una spinta demografica già incontrollata".

Su altre questioni, come le unioni civili, il Papa aveva detto: "Non m'immischio". Come si spiega questo cambiamento?

"A Bergoglio i cosiddetti valori non negoziabili di Ratzinger non interessano, mi riferisco al gender, la famiglia, l'aborto, sono questioni che considera negoziabilissime, invece i miti globalisti della sinistra alla Soros sono al centro del suo pontificato. L'unico esito sarà l'islamizzazione dell'Europa e dell'Italia. Questa non mi sembra una grande idea per un Pontefice, ne renderà conto di fronte alla storia e probabilmente di fronte a Dio" .
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...