Ballottaggi, Fedriga (LN): “Sbagliano anche analisi, il tracollo non è colpa di Renzi”

27 giugno 2017 ore 16:16, intelligo
La Lega Nord è pronta a formare una coalizione di governo nazionale con Forza Italia purché, al di là di etichette come “moderato” e “liberale”, il partito di Berlusconi accetti di dare risposte concrete e convincenti, per esempio su immigrazione e pensioni. A differenza del Movimento 5 Stelle, la Lega non si limita a intercettare il disagio ma sa offrire soluzioni, Quanto alla sinistra, farebbe meglio, anziché personalizzare la sconfitta alle Comunali individuandone la causa in Renzi, a riflettere sulle sue politiche sbagliate. È la linea leghista, tracciata – in un’intervista rilasciata a IntelligoNews – dal capogruppo del Carroccio alla Camera, Massimiliano Fedriga.
Ballottaggi, Fedriga (LN): “Sbagliano anche analisi, il tracollo non è colpa di Renzi”

Dopo il successo del centrodestra alle elezioni comunali, Silvio Berlusconi propone una coalizione “moderata e liberale” per il governo del Paese, Matteo Salvini invita a puntare piuttosto sui temi concreti, A partire da quali temi pensate sia possibile costruire un’alleanza nazionale con Forza Italia? 

Noi vogliamo costruire una coalizione, per questo vogliamo parlare di cose concrete da offrire, di un programma per i cittadini di questo Paese. Non ci interessano le definizioni strumentali. Vogliamo capire: siamo tutti d’accordo ad abolire la riforma delle pensioni Fornero? Siamo tutti d’accordo a mettere in campo la flat tax, quindi a procedere a un abbassamento incisivo della pressione fiscale? Siamo tutti d’accordo sulle politiche di sicurezza e immigrazione, sui respingimenti, sulla necessità di potenziare le forze dell’ordine? Sono temi concreti e che interessano la stragrande maggioranza dei cittadini. Vogliamo chiamarli moderati? Liberali? In altro modo? È indifferente per noi. In passato con Forza Italia ci sono state divergenze: per esempio, loro hanno votato per “Mare nostrum”, per la riforma Fornero: la coalizione che vogliamo costruire dovrà dire cose chiare su questi temi.

Le analisi del voto comunale – in particolare quelle dell’Istituto Cattaneo e di Alessandra Ghisleri – indicano un travaso di consensi dal Movimento 5 Stelle a FI e Lega. Significa che, per esempio sullo ius soli, i cittadini hanno preferito “l’originale” alla copia pentastellata? 

Il voto delle Comunali conferma l’esistenza di un disagio profondo nel Paese. La Lega, però, non si limita a intercettare il disagio ma è in grado di darvi risposta. Vedendo come le amministrazioni locali dei 5Stelle hanno governato, ho l’impressione che loro non siano in grado di dare risposte. Noi non rappresentiamo solo la protesta ma anche la proposta rispetto a un modello di governo che sentiamo, con i nostri limiti e difetti, rimanendo coi i piedi per terra (perché noi a differenza di Renzi non ci sentiamo superuomini), di poter interpretare.

A proposito del “superuomo” Renzi, crede che la sinistra, soprattutto quella esterna al Pd, faccia bene o male a indicarlo come causa principale, o addirittura unica, dell’arretramento alle Comunali?

Quando nel centrosinistra vogliono personalizzare la sconfitta, incarnandola in Renzi, commettono un errore. Glielo do anche come consiglio per un’analisi più centrata: le ragioni del loro tracollo vanno cercate nei progetti che stanno sostenendo, soprattutto lo ius soli. In campagna elettorale, aver proposto un provvedimento a cui la stragrande maggioranza dei cittadini è contraria e che ritengo pericolosissimo come lo ius soli ha avuto una forte ripercussione. Ovviamente c’è una forte componente - penso maggioritaria - del voto che ha riguardato l’amministrazione locale, ma non c’è dubbio che vi sia stata anche una rilevante componente politica. Ci sono politiche nazionali che i cittadini non condividono, condotte da una maggioranza priva di un mandato popolare. Il problema non è Renzi ma la linea politica che la sinistra sta portando avanti, ovviamente anche tramite Renzi in quanto segretario del Pd. Immigrazione e ius soli, banche, economia, lavoro: il loro è un fallimento su tutti i fronti.

#Lega #M5S #Renzi #Pd

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...