Blocco migranti, Meluzzi: "Aspettative creano disperazione: vicini al tracollo"

30 giugno 2017 ore 17:25, Andrea Barcariol
L'Italia cambia rotta sui migranti e sbatte i pugni in Europa. Il ministro dell'Interno Marco Minniti ha affermato "il tempo delle parole è finito, ora servono i fatti", spiegando che se non seguiranno atti concreti, il nostro Paese negherà l'approdo ai porti alle navi cariche di migranti che battono bandiera non italiana, vale a dire quasi tutte quelle delle Ong che operano davanti alla Libia. IntelligoNews ha chiesto allo psichiatra Alessandro Meluzzi un giudizio su questa situazione.

Blocco migranti, Meluzzi: 'Aspettative creano disperazione: vicini al tracollo'
Il Ministro Minniti chiede interventi concreti all'Ue, altrimenti l'Italia negherà l'approdo ai porti alle navi delle Ong. Una presa di posizione efficace o tardiva?


 "Tardiva, inadeguata e per ora inefficiente, mentre si fanno chiacchiere sono arrivate altre 12mila persone nei porti del sud. La situazione è totalmente insostenibile, servono blocchi navali immediati prima che succeda l'irreparabile. Questo Paese è sottoposto a una pressione intollerabile che sta creando tensioni laceranti e una bolla di un milione di persone disadattate, senza prospettive occupazionali e di collocazione. C'è un'emergenza sanitaria per la positività alla tubercolosi, alla scabbia e altre problematiche e soprattutto ci sono 200 milioni di africani in viaggio verso l'Europa perché queste chiacchiere insulse sullo Ius soli hanno fatto muovere delle persone che definire rifugiati è assurdo, ma che anche definire migranti economici è un eufemismo. Si tratta di una pura e semplice invasione, come non se ne sono mai viste, che può portare solo all'esplosione della situazione, al tracollo della società italiana e alla disperazione di coloro che arrivano e non potranno diventare altro che mine vaganti per la civile convivenza".

Crede sia stata una mossa studiata da Renzi in ottica anti-Europa, dopo i risultati deludenti delle elezioni amministrative?

 "Non lo so, penso che Renzi sia abituato soprattutto a fare chiacchiere e credo che la soluzione a questo problema sia lontanissima".


Come si ferma l'invasione?

"Con il blocco navale immediato. E' una soluzione semplicissima".

Macron dice che "non saranno solidali con i migranti economici". Questo non era il modello Le Pen?


"Migranti economici è un eufemismo perché questo implicherebbe una strategia, qui invece ci troviamo di fronte a una distorsione assoluta e a una forzatura della civiltà, del diritto e del buon senso".

Renzi sta insistendo sullo Ius Soli. Vuole cercare di riconquistare voti anche a sinistra?

 "Se non tornerà indietro perderà sicuramente le elezioni e credo che nella prossima legislatura se vincerà il centro-destra, la Lega o il M5S questa legge verrà immediatamente revocata. Creeremo così delle aspettative che la società italiana non manterrà, creando ulteriore disperazione. Sullo Ius soli sono state dette tante menzogne, il problema non sono questi 800mila elettori che loro pensano di conquistare, ma l'enorme numero di ricongiungimenti familiari a cui questa vicenda spalancherà le porte. Siamo di fronte a una vera e propria follia, non ci sono altre parole per definirla".
caricamento in corso...
caricamento in corso...