Senato, Pd battuto. Cecconi (M5S): "Segno di rottura nella maggioranza, ma non vogliono il voto"

06 aprile 2017 ore 15:31, intelligo
Ieri nella Commissione Affari Costituzionali del Senato è stato eletto presidente il senatore Salvatore Torrisi di Alternativa Popolare, il partito del Ministro degli Esteri Angelino Alfano, a scapito del candidato del Partito Democratico e renziano Giorgio Pagliari. Pd battuto e nuovi scenari che si aprono. Il Governo Gentiloni è al bivio? Si andrà ad elezioni anticipate?
Intelligonews ha incontrato alla Camera il parlamentare pentastellato Andrea Cecconi al quale ha girato queste domande. 
Senato, Pd battuto. Cecconi (M5S): 'Segno di rottura nella maggioranza, ma non vogliono il voto'

Al di là degli aspetti tecnici, quale scenario si profila dopo ieri? E' la vittoria dei proporzionalisti? 
"Il Pd ormai da diversi mesi dice che vuole il Mattarellum, ma in Commissione non ha fatto neanche un passo in questo senso. Ha la maggioranza qui alla Camera, la legge è alla Camera, avrebbe potuto portare il Mattarellum direttamente in votazione ma non l'ha fatto. Evidentemente neanche il Pd lo vuole. Dire che col Mattarellum però si dà stabilità a questo Paese, è falso: è legge maggioritaria ma non garantisce il governo di un Paese. Così come il proporzionale. Si può dire che se qualcuno prende molti voti, il 40%, ha la dignità e l'onere di governare questo Paese. Altrimenti viviamo in un Paese parlamentare bicamerale e siamo obbligati a vivere in un sistema proporzionale esattamente come tutti i Paese Europei ad eccezione della Gran Bretagna".

Siamo più vicini alle elezioni dopo quanto accaduto in Commissione Affari Costituzionali del Senato?  
"Noi crediamo che quanto successo ieri sia un segno di rottura all'interno della maggioranza e quindi riveli l'incapacità del Pd di tenere ferma la sua maggioranza tra Area popolare e dem in Senato. Ma questo non significa che corrisponda direttamente a un percorso più veloce per andare ad elezioni. Altrimenti ci saremmo già andati. Vogliono tirare a campare fino al prossimo anno nonostante quello che dicono: il Pd non ha neanche il segretario, come si fa a dire che vogliono il voto se non hanno neanche una guida del partito". 

Qualcuno suggerisce che sotto sotto Renzi sia contento di questa situazione, vuole scardinare Gentiloni? 
"Mah, Renzi nonostante gli schiaffoni presi dal popolo italiano e dal suo partito, si comporta come nulla fosse successo. Continua con l'atteggiamento da sbruffone, è scollegato dalla realtà, ma vincerà le primarie per assenza di un competitor all'altezza. Quelli che potevano essere competitor se ne sono andati d'altronde. Ha la pretesa ora di andare ad elezioni e pure di vincerle. Si comporta come un piccolo imperatore che porterà soltanto a una sconfitta il Pd e nel baratro il Paese". 

#cecconi #pdbattuto #affaricostituzionali #renzi #m5s
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...