Marcia Forza Nuova, Esposito (PD): ''Vietare, ma rischio boomerang''

06 settembre 2017 ore 12:28, Stefano Ursi
''Bandiere, striscioni, auto, pullman, benzina... Compatriota, la macchina organizzativa è in moto ed ha bisogno del tuo sostegno concreto. Il 28 ottobre, Roma ospiterà la grande marcia Forzanovista contro un governo illegittimo, per dire definitivamente no allo Ius Soli e per fermare violenze e stupri da parte degli immigrati che hanno preso d'assalto la nostra Patria''. Così in un post su Facebook Forza Nuova annuncia la marcia indetta per il 28 Ottobre a Roma. Al momento, si legge, non ci sono ancora dettagli su come verrà organizzata la manifestazione. Molte le reazioni che si sono succedute in queste ore, fra cui quella di Pippo Civati, leader di Possibile, insieme al parlamentare Maestri: ''Chiediamo al ministro dell'Interno, anche attraverso Prefettura e Questura di Roma, di vietare la marcia e di avviare la procedura di scioglimento di Forza Nuova o, in altre parole, di assicurare il rispetto della Costituzione e delle leggi della Repubblica". IntelligoNews ha chiesto un parere del parlamentare del Pd, Stefano Esposito.

Marcia Forza Nuova, Esposito (PD): ''Vietare, ma rischio boomerang''
Stefano Esposito
Che ne pensa della marcia e delle parole di Civati?

''Che Forza Nuova, come altri gruppi tipo CasaPound e altri, siano evidentemente già oggi fuorilegge rispetto alle norme relative alla ricostituzione del partiti fascista e alla propaganda, io non ho molti dubbi. L'unico dubbio che nutro, di carattere puramente culturale, è legato al fatto che la proibizione rischia di far soffiare nelle vele di questi gruppi fascisti ancora più vento. Ripeto è solo un dubbio ma non ho dubbi che una marcia del genere vada assolutamente vietata. Sul tema dello scioglimento e della messa fuori legge di gruppi come Forza Nuova, mi pongo anche qui l'interrogativo se non si rischi di aumentare la loro forza di attrazione. Poi occorre stare attenti, perchè forse dovremmo bisogno di fare un lavoro culturale nei confronti delle nuove generazioni che hanno un ricordo labilissimo di ciò che sono stati il fascismo e la guerra di liberazione. Questa è una partita importante anche per l'istituzione scuola''.

#marcia #patrioti #roma #civati
autore / Stefano Ursi
caricamento in corso...
caricamento in corso...