L. elettorale, Ceccanti: "Sipario, si va al voto. M5s non regge la pressione"

08 giugno 2017 ore 12:33, intelligo
“La riforma elettorale salta”. Per Stefano Ceccanti
L. elettorale, Ceccanti: 'Sipario, si va al voto. M5s non regge la pressione'
, costituzionalista ed ex senatore Pd, lo stop subito dalla maggioranza trasversale alla Camera sulla riforma elettorale alla tedesca non lascia spazio a dubbi: il patto a 4 è saltato, il Movimento 5 Stelle non ha retto alla pressione mediatica.  La legislatura è di fatto finita, si andrà a votare col Consultellum.

Professor Ceccanti, quali sono le conseguenze dell’ok a scrutinio segreto all’emendamento Biancofiore?
   
In una sola parola: sipario. Sulla proposta in esame e su qualsiasi riforma elettorale. Vediamo anche che cosa succede della legislatura: l’onda d’urto è tale che, anche se non immediatamente, la legislatura è colpita. Il fatto era già in discussone ieri con l’annuncio del voto finale di ratifica rinviato a martedì.  Forse a quel punto conveniva sospendere già ieri: se uno dei contraenti dice che si riserva di valutare alla fine vuol dire che è finita.

Come si andrà a votare, a questo punto?

Con il “Consultellum” Camera e con il “Consultellum” Senato.

A chi può essere attribuito lo stop alla legge elettorale?

Al Movimento 5 Stelle. I pentastellati non hanno retto alla campagna mediatica del “Fatto quotidiano” e del gruppo Espresso-Repubblica.

#leggeelettorale #elezionianticipate #M5s

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...