Bimba dimenticata in auto da madre per 6 ore, psicologo Meluzzi: "Ora lei a rischio"

09 giugno 2017 ore 12:31, Americo Mascarucci
È indagata per omicidio colposo la mamma 38enne di Terranuova Bracciolini (Arezzo) che ha dimenticato in auto la figlia di soli sedici mesi, morta dopo sei ore trascorse nella Lancia Y posteggiata sotto il sole davanti all’ufficio dove lavora. La 38enne avrebbe riferito di essere stata sempre convinta di aver lasciato la piccola a scuola, al punto che dopo sei ore è uscita dall’ufficio proprio con l’intenzione di andare a riprenderla al nido. Salita in auto si è resa conto che era rimasta chiusa dentro. Molti hanno parlato di sindrome dissociativa, tipica di chi dimentica di compiere delle azioni che in realtà è convinta di avere fatto. Non è infatti il primo caso che si verifica e tutte le volte di fronte ai figli dimenticati in auto o altrove la spiegazione è sempre la stessa, ossia la certezza di averla lasciata altrove. Intelligonews ha chiesto un parere allo psicologo Alessandro Meluzzi.

Esiste davvero questa sindrome dissociativa e può costituire un attenuante?

"La sindrome dissociativa amnesica è una delle possibilità, ma ce ne possono essere altre. Poiché buona parte dei nostri comportamenti sia mentali che fisici avvengono in automatico, dal guidare la macchina a suonare il pianoforte o scrivere su una tastiera, può capitare che in queste azioni possano verificarsi degli atti mancati, i cosiddetti lapsus. Da un lato dunque il nostro cervello può subire delle cadute di tensione e di attenzione, e dall’altra possono verificarsi dei fatti mentali come il lapsus, la rimozione, l’inconscio. Questo ci porta a pensare di aver fatto una cosa che in realtà non abbiamo fatto. Ci porta ad esempio a pensare di aver parcheggiato l’auto in un luogo che in realtà non è quello in cui l’abbiamo realmente lasciata, oppure ci fa dimenticare la porta di casa aperta o ci fa credere di non averla chiusa quando in realtà l’abbiamo fatto.Il funzionamento della nostra mente non è un nastro magnetico ma un processo che spesso può addirittura costruire la realtà".
Bimba dimenticata in auto da madre per 6 ore, psicologo Meluzzi: 'Ora lei a rischio'

Quanto può influire lo stress in tutto questo?

"Lo stress, la stanchezza, la depressione possono svolgere un ruolo fondamentale. Sono moltissime le ragioni per cui le nostre performance mentali sono influenzate dai contesti ambientali. Chi deve fare delle attività molto problematiche come guidare un aereo, viene non a caso sottoposto a periodici test psicoattitudinali per verificare se è nelle condizioni di poter dare il massino delle proprie facoltà. E non sempre questo basta a prevenire l’errore umano che non può mai essere escluso in nessun campo".

Quali conseguenze ora può subire la madre?

"Le conseguenze sono devastanti, la ferita profonda determinata da questo fatto probabolmente non riuscirà a rimarginarla per il resto della sua vita. Il dolore è immenso e la segnerà per sempre. Ci auguriamo per lei che trovi persone capaci di assisterla sia sul piano affettivo che psicologico". 

In queste condizioni potrebbe compiere un gesto estremo?

"Speriamo di no, dipende dalla tendenza al suicidio che è legata a profili di personalità specifica che un individuo può o meno avere. Speriamo che questa donna non possieda questa attitudine, altrimenti il rischio potrebbe essere molto elevato". 

caricamento in corso...
caricamento in corso...