"Insieme per il Lazio", al via il tour per le regionali del Lazio di Zingaretti

10 ottobre 2017 ore 15:46, intelligo
"Insieme per il Lazio", al via il tour per le regionali. Sette tappe a sostegno della ricandidatura alla presidenza della Regione di Nicola Zingaretti. A presentare l'iniziativa oggi a Roma il vicepresidente della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio, e le consigliere e i consiglieri regionali di Insieme per il Lazio Daniela Bianchi, Marta Bonafoni, Gino De Paolis e Rosa Giancola. Si parte da Frosinone, venerdì 13 ottobre, per poi proseguire con Rieti, Viterbo, Civitavecchia, Latina, Frascati, per terminare a Roma, a novembre. 
'Insieme per il Lazio', al via il tour per le regionali del Lazio di Zingaretti
"Al termine del tour, a novembre potremo dire: nasce un agglomerato politico elettorale e apriremo a chi vorrà portare un contributo di idee dicendo no ai personalismi", ha detto il vicepresidente Smeriglio. "Contro il populismo grillino e contro un atteggiamento razzista della destra serve un progetto che abbia la capacità di parlare di innovazione e che metta a sistema il giusto lavoro di risanamento della regione con l'innovazione e il cambiamento che ha caratterizzato questa esperienza", ha spiegato invece Marta Bonafoni. "Siamo soddisfatti - ha aggiunto Smeriglio - perché tutto il dibattito politico delle ultime ore è tornato a girare intorno all'idea della coalizione. Questo è un tema ed un patrimonio che Lazio mette a disposizione anche del dibattito nazionale. Si può governare in coalizione anche senza risse mantenendo l'anima sinistra e si può governare bene. Questa è l'esperienza del Lazio e questa è l'esperienza che porteremo nella campagna elettorale nazionale e regionale".

Per Smeriglio "il Lazio è un modello che fino a qualche mese fa era bistrattato nessuno aveva più a cuore il fatto che per governare serviva una coalizione plurale larga fatta anche di diversi approcci culturali". 

PIANO REGISTRO TUMORI

Zingaretti intanto ha messo a segno un altro colpo importante. La Regione Lazio ha approvato nella seduta odierna di giunta il Regolamento del Registro dei Tumori in attuazione regionale n° 7 del 12 giugno del 2015. In particolar modo le finalità del Registro sono relative alle misure dell'incidenza, della mortalità, della sopravvivenza e prevalenza dei tumori. A svolgere studi epidemiologici sui fattori di rischio e sugli esiti degli interventi di diagnosi precoce. A descrivere il rischio della malattia per sede e per tipo di tumore, età, genere ed ogni altra variabile di interesse per la ricerca scientifica. Il regolamento deve ora passare all'esame della Commissione Consiliare competente, ma ha già avuto l'ok dell'Autorità del Garante della Privacy in relazione alla gestione dei dati sensibili. Il Registro dei Tumori è gestito dal Dipartimento di Epidemiologia della Regione Lazio in accordo con la Direzione Regionale Salute. E' collegato alle seguenti unità funzionali: per la Città Metropolitana di Roma all'Istituto Nazionale Tumori Regina Elena; per le province del Lazio alle Unità funzionali presso ogni Azienda Sanitaria Locale; per quanto riguarda i tumori infantili al DEP (il Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale del Lazio). Le Unità funzionali contribuiscono ad alimentare la Banca dati del Registro. "Con l'istituzione del regolamento dei registro dei tumori - ha spiegato il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti - si compie un passo in avanti significativo per allineare il Lazio nelle buone pratiche in un'ottica di conoscenza e prevenzione dei tumori"

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...