Roma allagata e Raggi sommersa dalle polemiche: Codacons all'attacco

11 settembre 2017 ore 13:25, Americo Mascarucci
La Giunta Raggi si autoassolve sul caos creato ieri dal violento nubigìfragio che si è abbattuto sulla Capitale, dichiarazioni che sembrano in aperta contraddizione con ciò che l’attuale sindaco sosteneva in passato quando sedeva sui banchi dell’opposizione. All’epoca la Raggi ironizzava sull’amministrazione capitolina che si faceva trovare impreparata di fronte ad eventi atmosferici avversi ampiamente preventivati con tanto di allerta meteo, arrivando a consigliare ai romani di dotarsi di gommoni per attraversare la città. Ebbene, ieri diverse zone di Roma si sono letteralmente allagate, i disagi sono stati numerosi, ma ecco che prontamente la Raggi e gli amministratri 5Stelle si sono affrettati a parlare di evento eccezionale ed imprevedibile. Ecco cosa scrivono dal Campidoglio: "In vista delle precipitazioni – che oggi hanno assunto carattere di eccezionalità, avendo superato i 100 millimetri di pioggia in sole tre ore anziché 70 millimetri diluiti in tutta la giornata – nel corso di queste settimane è stata anticipata e intensificata la pulizia delle caditoie per prevenire occlusioni e allagamenti". Come dire: noi abbiamo fatto tutto quello che era necessario fare, ma la colpa è di "Giove pluvio" che si è abbattuto con più violenza di quella prevista.
Roma allagata e Raggi sommersa dalle polemiche: Codacons all'attacco

LE CRITICHE DEL PD
Non la pensano così dall'opposizione dove ritengono invece che, nonostante le previsioni, la Raggi si sia fatta trovare del tutto impreparata a gestire una possibile emergenza. 
"Dopo mesi di siccità, sono bastate due ore di pioggia per mandare Roma sott'acqua - attacca il consigliere del Partito Democratico Marco Palumbo - Linee della metro ferme, strade allagate, traffico il tilt. E per fortuna che è domenica... Avevamo avvertito la (non) sindaca Raggi di prevedere una normale manutenzione ordinaria di tombini e caditoie ostruiti dalle foglie. Nulla è stato fatto e Roma sembra Venezia... Ora con chi se la prenderà la sindaca Raggi? Il Governo? La Regione? L'Onu? Il disastro e l'incapacità della Raggi è sotto gli occhi di tutti. Povera Roma...". Per l'opposizione dunque l'eccezionalità delle previsioni non c'entrano nulla, l'Amministrazione non avrebbe svolto la dovuta opera di prevenzione, e soprattutto sarebbe mancata l'ordinaria manurenzione.

ATTACCO DEL CODACONS
Ma non c'è solo la politica a dare addosso alla Raggi. Anche il Codacons punta il dito contro il Campidoglio. 
"Ancora una volta Roma si ritrova del tutto impreparata alla pioggia - afferma il presidente Carlo Rienzi - Nonostante l'esperienza del passato, le stazioni della metro continuano ad essere un colabrodo al punto da determinare la loro chiusura totale, una situazione che non he eguali nel mondo e si verifica solo nella capitale.È evidente che negli anni poco e nulla è stato fatto per garantire la funzionalità delle stazioni anche in caso di pioggia: vogliamo sapere nel dettaglio quale attività il Comune abbia messo in atto per evitare allagamenti a fronte del maltempo di oggi, peraltro ampiamente previsto da giorni - prosegue Rienzi - Il sindaco Raggi dica ai cittadini quanta e quale manutenzione è stata svolta negli ultimi giorni su tombini, caditoie e strade, mentre i cittadini si preparino ad un autunno di passione perché se queste sono le premesse, i prossimi mesi saranno molto duri sul fronte dei trasporti".
Insomma la Raggi non convince e ancora una volta i disagi del maltempo più che il frutto di eventi eccezionali appaiono la conseguenza di scelte amministrative poco lungimiranti. Anche perché di fronte all'annuncio di eventi atmosferici acversi non ci si può mettere a posto la coscienza dichiarando di aver fatto pulire tombini e caditoie. E sui social network sono in tanti a rinfacciare alla Raggi ciò che scriveva ai tempi di Marino. Perché all'epoca i 5Stelle non facevano sconbti a nessuno, nemmeno in presenza di eventi eccezionali. 

#nubifragio #roma #raggi #polemiche

caricamento in corso...
caricamento in corso...