(In)sicurezza in numeri del Censis: Roma Capitale di furti e borseggi

12 maggio 2015, intelligo
(In)sicurezza in numeri del Censis: Roma Capitale di furti e borseggi
Allarme furti e borseggi nella Capitale, per il Censis è "colpita una casa ogni due minuti". 

E' partita la cabina di regia del Giubileo e il dramma è quello che conosciamo. I risultati del primo numero del diario «Roma verso il Giubileo» del Censis lo scrivono nero su bianco: A Roma sono cresciuti del 75% negli ultimi tre anni. 

Le zone a rischio? Tra piazza Vittorio e i dintorni delle stazioni Termini, Tiburtina e Ostiense. Vince su tutti l'Esquilino e come mezzo pubblico la metro. Ed è inutile l'intervento della municipale per i romani, nel senso che solo l'8% crede alla loro efficienza. 

Per non parlare della paura del terrorismo. Il Giubileo l'alimenta, e c'è un 43% di cittadini che si aspettano qualche azione eclatante da parte del Califfato.

Fanno meno paura la crisi economica internazionale (39%), i rischi climatici (34,8%), le guerre religiose (26,7%).
Ma sono i dati ad essere impressionanti. A Roma dal 2010 al 2013 i borseggi sono aumentati del 75%  e i furti delle auto del 20,6%. 

E lo spaccio di droga?  Segna un + anche lui, del 43,4% contro la media nazionale del +3,3%. 

E il Censis avverte che il romano ormai si sente insicuro in strada.

(m.m.)
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...