Raggi spacca (pure) il Vaticano: Becciu "corregge" L'Osservatore Romano

12 settembre 2016 ore 23:39, Americo Mascarucci
Dietrofront del Vaticano sul sindaco di Roma Virginia Raggi.
Dopo l’articolo dell’Osservatore Romano, organo ufficiale della Santa Sede, che era sembrato bocciare senza appello la giunta capitolina, dalla Segreteria di Stato è arrivata una precisazione.
"Non c’era nessuna intenzione di dare giudizi sull'operato della giunta - ha dichiarato il sostituto della Segreteria di Stato Angelo Becciu -. È giusto dare al nuovo sindaco il tempo di lavorare e affrontare i problemi cronici della città, che non possono dipendere dall'attuale amministrazione ma che certamente devono trovare al più presto una soluzione". 
La Segreteria di Stato dunque corregge il proprio organo d’informazione? Sembrerebbe proprio di sì. 
Una polemica che è stata rinfocolata anche dal forfait della Raggi al Festival dei giovani dell’Azione Cattolica dove avrebbe dovuto rispondere alle domande dei ragazzi. 
Ha preferito evitare mentre dalla Chiesa giungono segnali decisamente contrastanti fra chi sembra puntare il dito contro l’incapacità 5Stelle e chi invece invita alla cautela. 
Cauto è ad esempio anche il Presidente della Pontificia Accademia per la Vita monsignor Vincenzo Paglia: 
"Non vedo frizioni tra il Vaticano e il sindaco di Roma, semmai vedo l’esigenza e la richiesta da parte di tutti i cittadini che Roma sia davvero governata. Credo che questo sia il pensiero comune di tutti, nessuno escluso". 
Come dire: nessun attacca pregiudiziale, soltanto un invito a fare il bene della Capitale. 

Raggi spacca (pure) il Vaticano: Becciu 'corregge' L'Osservatore Romano
Anche perché la Raggi, non è un mistero, è stata eletta anche grazie al voto di tantissimi elettori cattolici che hanno inteso così punire Renzi per la legge sulle unioni civili imposta a colpi di fiducia. 
Ma è evidente come all'interno della Chiesa vi siano divergenze di vedute sull’atteggiamento da tenere nei confronti dei 5Stelle. 
Anche dalla Cei era sembrata arrivare una bocciatura. "Non so se sia in difficoltà, non è a me che dovete chiederlo – ha risposto ad esempio il segretario generale dei vescovi italiani Nunzio Galantino ad una specifica domanda dei giornalisti - Le mie preoccupazioni sono quelle di qualsiasi cittadino che vuole che la città sia governata. Tutti dovrebbero accogliere l’appello all'ascolto". 
La precisazione di Becciu è sembrata spazzare via tante parole e qualche riga di troppo.
Nessuna guerra in corso fra Vaticano e Campidoglio, nessuna bocciatura del sindaco Raggi, anzi la conferma che giudicare l'operato di un'amministrazione ad appena due mesi dal voto non è obiettivo.
Ma è davvero questa la linea della Chiesa?  

caricamento in corso...
caricamento in corso...