Dimissioni Muraro in mano a Raggi: "telenovela" Campidoglio punto per punto

13 settembre 2016 ore 15:15, Americo Mascarucci
"E' vero, nelle ore più complicate della settimana scorsa ho parlato con Virginia e le ho detto che ero pronta a dimettermi". 
L'assessore all'Ambiente del Campidoglio Paola Muraro è pronta a lasciare la giunta capitolina se il sindaco deciderà che è opportuno farlo.
Lo spiega a Il Messaggero lasciando intendere che sta alla Raggi decidere il suo destino: "E' una donna molto forte, sa come muoversi" ha detto la Muraro che è tornata a ribadire ancora una volta di sentirsi assolutamente tranquilla per l'indagine a suo carico. 
Le dimissioni quindi il sindaco le avrebbe già in mano, dopo di che sarà lei a decidere se accettarle o meno. Molto dipenderà dagli sviluppi dell'inchiesta sui rifiuti che la vede indagata. Al momento non si hanno molte notizie e la Raggi ha sempre ribadito che si muoverà quando, lette le carte, avrà chiara la situazione e la consistenza delle accuse mosse nei confronti del suo assessore.
La Muraro, da quando è stata nominata assessore all'Ambiente, ha rappresentato il principale "problema politico" della giunta 5Stelle ancor prima che si scoprisse della sua iscrizione nel registro degli indagati.
"Roma sarà pulita entro il 20 agosto" disse il neo assessore all'atto della nomina, mentre dall'opposizione, ma anche dalla base grillina, venivano sollevate obiezioni su un suo presunto "conflitto d'interessi" legato a passate consulenze avute con l'Ama e con alcune società di gestione dei rifiuti.
Accuse aggravate anche dalla guerra che sin dall'inizio si innescò fra la giunta pentastellata e i vertici di Ama accusati di essere i responsabili del degrado di Roma.
Il presidente di Ama Daniele Fortini "sfiduciato" di fatto dal sindaco e dall'assessore Muraro rassegnò le dimissioni non senza togliersi però qualche sassolino dalla scarpa:
"Io ho cercato di instaurare un clima di lealtà e collaborazione - disse Fortini - la risposta sono stati i blitz, mi ha ferito l’imboscata di un’amica che conosco da anni. Ma Paola Muraro non è una semplice collaboratrice, è stata una persona influente in Ama".
La Muraro chiamata in causa per le sue passate consulenze in Ama si difese subito sostenendo di aver più volte segnalato all'Azienda presunte irregolarità e procedure poco chiare.
"L'assessora all'Ambiente Paola Muraro in Procura non ci è mai andata - attaccò ancora Fortini - Ha visto le truffe, gli impianti scassati, i dirigenti che non si prendevano responsabilità e ha sempre chiuso un occhio o tutti e due".

Ma le accuse di Fortini furono poco cosa rispetto a ciò che sarebbe emerso poi ai primi di agosto con la scoperta di un'intercettazione telefonica fra l’attuale assessore all'Ambiente della Giunta Raggi e Salvatore Buzi il cosiddetto "re delle coop" al centro dello scandalo di Mafia Capitale.
Conversazione registrata e trascritta negli atti dell’inchiesta della Dda romana nella quale Buzi sembrerebbe chiedere alla Muraro informazioni su un appalto di Ama, ricevendo dall'allora consulente le informazioni richieste. 
Intercettazione ritenuta dagli inquirenti del tutto irrilevante dal punto di vista penale ma comunque sufficiente ad avvelenare un clima già pesante. 
Poi la notizia dell'iscrizione nel registro degli indagati nell'ambito di un'inchiesta sui rifiuti.  
Dimissioni Muraro in mano a Raggi: 'telenovela' Campidoglio punto per punto
La Muraro risulterebbe indagata dal 21 aprile scorso per un presunto reato ambientale. E' lei stessa a confermarlo in un'audizione nella commissione Ecomafie dove ammette pure di esserne venuta a conoscenza già alla fine di luglio e di averne informato anche il sindaco Raggi che a sua volta conferma. Peccato che la Muraro abbia però continuato a ripetere fino al giorno prima di non sapere nulla di un'inchiesta a suo carico.
Lei si è giustificata dicendo di non aver mai ricevuto alcun avviso di garanzia ma di aver consultato soltanto il casellario delle indagini, il 335.
Una bufera politica che non accenna a diminuire. 
Che ne sarà della Muraro? Si dimetterà o resterà al suo posto? Sono in molti a ritenere che a breve il suo passo indietro potrebbe diventare inevitabile. Ma per adesso la Raggi sembra decisa a resistere. Ma fino a quando?
caricamento in corso...
caricamento in corso...