Piccolo America, hanno vinto i giovani: la sala Troisi farà rivivere il cinema dismesso

14 aprile 2016 ore 11:40, Americo Mascarucci
I giovani del Piccolo America sbarcano nella sala Troisi di via Induno, nel cuore di Trastevere. 
Vincitori del bando per l'assegnazione dello spazio pubblico (6 anni prorogabili per altri 6), lo utilizzeranno per la realizzazione di progetti per attività culturali nel settore cinematografico finalizzate a promuovere la produzione culturale diffusa e la rigenerazione del tessuto della città. “
"Cinque anni fa abbiamo formato un’assemblea, 'Giovani al centro' – dichiara Valerio Carocci presidente dell’associazione Piccolo Cinema America a Repubblica –  convinti che ci fosse l’esigenza politica di avviare un nuovo percorso in città, pratico e pragmatico, con l’obiettivo di mappare gli spazi abbandonati, salvarli e restituirli alla cittadinanza come nuovi luoghi culturali polivalenti. Abbiamo così occupato il Cinema America con l’intento di renderlo uno spazio in cui poter essere protagonisti e non semplici fruitori, siamo stati sgomberati e non siamo ancora stati in grado di riaprirlo definitivamente, ma l’abbiamo per ora sottratto alla demolizione e alla speculazione. Abbiamo vinto al Tar contro il tentativo di rimozione dei vincoli ministeriali e ora ci stiamo costituendo al Consiglio di Stato per lo stesso motivo". 

"Nel corso di quest'anno - continua Carocci - ci hanno appoggiato, presi in giro, ghettizzato, hanno tentato di sfiancarci ma oggi, dopo tanti mesi di attesa, abbiamo finalmente raggiunto un altro sorprendente risultato. Abbiamo restituito alla città un nuovo spazio: abbiamo vinto il bando per l’assegnazione della Sala Troisi di via Induno, esclusivamente sulla base della nostra storia e della nostra idea di spazio culturale e sociale polivalente. Oggi proseguiamo ancora con la nostra identità e spensieratezza, quella 'Brutta, sporca e cattiva', di chi è pronto a tutto per ciò in cui crede". 
Piccolo America, hanno vinto i giovani: la sala Troisi farà rivivere il cinema dismesso
Il canone di concessione mensile dei locali nel complesso ex Gil sarà di 14.325 euro al mese, 171.900 euro l'anno, a cui sarà possibile applicare l'abbattimento dell'80 per cento in presenza di attività di interesse pubblico e rilievo culturale e sociale riconosciute tali da Roma Capitale al momento della stipula del contratto"


caricamento in corso...
caricamento in corso...