"Multagate": Assemblea Capitolina rimandata a martedì, ma non i malumori

14 novembre 2014 ore 12:56, Micaela Del Monte
Ieri, dopo una lunga giornata passata tra discussioni e proteste, l'Assemblea capitolina organizzata per avere chiarimenti dal sindaco di Roma Ignazio Marino riguardo al "Caso Multe", è stata aggiornata a martedì prossimo dalle ore 16 alle ore 20 su decisione dei capigruppo. Il rinvio è stato deciso per garantire la presenza del Sindaco che in questi giorni non sarebbe nella Capitale. Dunque tutto, comprese le possibile mozione di sfiducia, spostato alla prossima settimana quando sicuramente Marino ci sarà e potrà dare spiegazioni sull'accaduto.
'Multagate': Assemblea Capitolina rimandata a martedì, ma non i malumori
Già ieri le proteste degli esponenti del Nuovo centrodestra sono state molto accese, infatti alla notizia delle continue sospensioni dell'assemblea, proprio per la mancanza di rappresentanti del Pd (riuniti in via delle Vergini proprio per discutere del MultaGgate), sembra abbiano reagito con risse, urla, canti e dispiegamento di manifesti. Non solo, perché il capogruppo del Nuovo centrodestra in Campidoglio Roberto Cantiani, prima dell'apertura dell'Assemblea Capitolina, ha annunciato che con due mozioni di sfiducia verranno richieste le dimissioni di Marino. Mentre, come riporta l'Adnkronos, il consigliere capitolino Marco Pomarici (Gruppo misto), intervenendo in Aula Giulio Cesare, ha dichiarato: "Non so se Marino è a Londra, se sta raggiungendo la capitale, non so cosa stia facendo. Di una cosa stiamo certi. Anche oggi il sindaco ha parcheggiato la macchina in sosta vietata". L'ex Sindaco di Roma Gianni Alemanno, sempre all'Adnkronos, ha invece sottolineato che gli estremi per la mozione di sfiducia a Marino ci sono tutti e che l'opposizione può ritrovare su questo punto una sua compattezza.  
caricamento in corso...
caricamento in corso...