Confcommercio, altolà a Marino: “Il bilancio comunale stanga le piccole aziende”

15 luglio 2014 ore 15:13, Lucia Bigozzi
Confcommercio, altolà a Marino: “Il bilancio comunale stanga le piccole aziende”
Il bilancio comunale in approvazione è una vera e propria stangata che peserà come un macigno sulle spalle degli imprenditori del commercio del turismo e dei servizi. In un periodo di profonda crisi, come quella che stiamo attraversando, bisognerebbe adottare tutte le misure possibili per stimolare la ripresa ed incentivare i consumi, ma sta avvenendo esattamente il contrario”. Pollice verso di Confcommercio sul Campidoglio. Numeri alla mano, l’associazione di categoria dei commercianti rileva che “le voci di spesa contenute nel bilancio che gravano di più sulle aziende del terziario sono anche quelle che il Comune prevede di aumentare in misura maggiore”. Il riferimento è alla Tasi, alla Ztl e alla tassa sui rifiuti. Un discorso a parte va fatto poi per l'aumento della tassa di soggiorno contro cui ci siamo battuti fino all'ultimo e che continuiamo a ritenere una tassa ingiusta ed iniqua. In merito alla Tasi la nostra richiesta è di ridurre l'aliquota allo 0,3, così come avvenuto per l'IMU su alcune tipologie di attività, in modo da mantenerla agli stessi livelli Imu 2013”. Quanto alla Ztl per Confcommercio “il bilancio prevede di triplicare le tariffe portando il costo dell'accesso dai 400-600 euro l'anno, agli attuali 1150-2500. Una scelta che avrà pesanti riflessi soprattutto su alcune categorie imprenditoriali e di servizio”.
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...