Il Popolo della Famiglia si tinge di rosa: al via Forum sociale tutto al femminile

16 marzo 2017 ore 16:00, Americo Mascarucci
Il Popolo della Famiglia guarda alle donne. E' stata infatti promossa a Roma, nel quartiere Eur l'iniziativa "I Forum sociali del Popolo della Famiglia: uno sguardo al femminile", con workshop a cadenza quindicinale fino a maggio, rivolti soprattutto, ma non esclusivamente, alle donne. 
Il primo appuntamento ci sarà il 24 marzo e tratterà il tema: "Handicap: dignità, diritti e doveri". Sarà aperto a quanti vorranno intervenire, con inizio alle ore 20,30 presso il Circolo del Popolo della Famiglia "Roma Sud" in via Salvatore Quasimodo 113 all'Eur. Le iniziative, che proseguiranno poi con altri incontri già programmati il 7 aprile, il 21 aprile e il 7 maggio, sono curate da Sara Deodati che Intelligonews ha intervistato. 

Perché l'idea dei Forum? Cosa rappresentano?

"Abbiamo organizzato questa iniziativa partendo dai 26 punti che costituiscono le linee guida dell'attività del Popolo della Famiglia. L'obiettivo è quello di affrontare tematiche di interesse femminile che vanno dall'handicap, l'educazione, la famiglia, la natalità. Un forum sociale al femminile perché anche le relatrici saranno tutte donne che militano nel PdF romano. Un momento di approfondimento per far conoscere meglio il nostro Movimento. Partiremo con il primo incontro dedicato al tema dell'handicap e proseguiremo poi trattando i temi della famiglia, dell'educazione e della natalità".
Il Popolo della Famiglia si tinge di rosa: al via Forum sociale tutto al femminile

Non temete che la forte connotazione cattolica del Movimento possa scoraggiare la partecipazione a questi incontri?

"Abbiamo come punto di riferimento la dottrina sociale della Chiesa, siamo un movimento di ispirazione cristiana basato sul diritto naturale che è patrimonio di ogni individuo indipendentemente dall'appartenenza religiosa. Con questo Forum vogliamo offrire un'opportunità di approfondimento reale visto che oggi molte discussioni si fanno sui social e si limitano ad un semplice mi piace o alla condivisione di un post. Noi vogliamo un dibattito vero, autentico e partecipato e lo faremo approfittando dell'opportunità offerta da questo spazio che abbiamo all'Eur. Vogliamo riflettere con le persone anche alla luce delle recenti sentenze di Trento e di Firenze sulle adozioni gay che hanno fatto molto discutere". 

Come si svolgono gli incontri a tema?

"Partiremo il 24 marzo parlando di handicap e dignità, e lo faremo con l'apporto di due relatrici, un assistente sociale ed un insegnante con esperienza di contatto diretto con alunni disabili. I workshop avranno la durata di 20 minuti e cercheremo di dare ampio spazio alle domande del pubblico. Ovviamente ci rivolgiamo ai militanti del PdF ma ci piacerebbe che agli incontri partecipassero anche tanti comuni cittadini desiderosi di conoscere meglio le nostre attività. Ci interessa dimostrare soprattutto che non siamo un Movimento mono-tematico, e che la nostra attività non è limitata unicamente alla lotta contro l'ideologia gender".

Il tema della famiglia quanto è importante in questo momento?

"Tantissimo, anche se purtroppo oggi i problemi dei cittadini sembrano limitati unicamente al tema delle buche per la strada. Il nostro obiettivo è proprio quello di rilanciare la famiglia come motore dell'azione politica per far comprendere come oggi la vera battaglia vada combattuta sui temi antropologici. Per questo auspichiamo che questi incontri possano rappresentare anche momenti di costruttivo confronto, con scambio di idee e proposte. Ci interessa spiegare, far conoscere, promuovere, ma anche ascoltare, capire e recepire". 



caricamento in corso...
caricamento in corso...