Ciocchetti via dall’Udc come anticipato da IntelligoNews. Galeotto fu lo Sheraton

17 aprile 2013 ore 16:33, Marta Moriconi
Ciocchetti via dall’Udc come anticipato da IntelligoNews. Galeotto fu lo Sheraton
Alla fine gli stracci volati allo Sheraton hanno prodotto un risultato: Luciano Ciocchetti se ne va dall’Udc. Dopo lo scontro con Lorenzo Cesa, le strade di dividono. «Io penso che il progetto politico dell'Udc sia finito. E' finito perché era un progetto legato alla costruzione di un centro autonomo: lo spazio fisico, politico, di un centro autonomo in Italia non c'è più». E’ così che all'Adnkronos Luciano Ciocchetti ha commentato il 'terremoto' che si è scatenato nell'Udc dopo la decisione di sostenere la corsa del sindaco uscente Gianni Alemanno alle prossime comunali a Roma. E ancora: «Il tema era come riorganizzare e ridefinire la linea dell'Udc sia in termini di dirigenza politica, perché una dirigenza che ha preso l'1,8% alle elezioni politiche dovrebbe avere la decenza di dimettersi e di rimettere agli iscritti la possibilità  di ridefinire una nuova dirigenza, sia di ridefinire anche il simbolo, i programmi, gli obiettivi e anche le scelte sulle alleanze. Io non sono più disponibile, insieme ai miei amici e a tante altre persone, ad aspettare che giochetti e giochini possano portare ad una decisione chissà' quando. Credo che dobbiamo decidere giàda oggi, già dalle prossime elezioni amministrative». E ora si dice aperto ad ogni contributo. Pronto a «costruire un nuovo progetto, che sia nel perimetro del centrodestra. Siamo disponibili a ragionare con chiunque ci vuole stare a queste condizioni». E a Roma inizia la conquista di Ciocchetti.
caricamento in corso...
caricamento in corso...