Sanità nel Lazio. Cambia tutto perché nulla cambi? Ecco i punti innovativi

17 luglio 2013 ore 16:58, intelligo
di Giuseppe Tetto
Sanità nel Lazio. Cambia tutto perché nulla cambi? Ecco i punti innovativi
Addio liste di attesa. O almeno si spera.Vanno proprio in questa direzione le novità introdotte dalla riunione dei direttori generali e sanitari delle aziende ospedaliere, dalle Asl e dagli Irccs che si è svolta oggi preso la sede della Regione Lazio. Ecco i punti: 1) I malati cronici (soggetti affetti da patologie oncologiche, cardiovascolari, respiratorie e diabetologiche che rappresentano oltre il 70% del volume delle prestazioni) si rivolgeranno al Recup solo per le prime visite. I successivi controlli saranno gestiti direttamente dai medici di famiglia, senza quindi passare dal Recup. Un’innovazione che consentirà di liberare il Recup dalle prenotazioni sanitarie per i soggetti cronici, lasciando spazio solo ed esclusivamente alle prime visite. 2) Per alleggerire ulteriormente il carico ci sarà anche un coinvolgimento maggiore di tutti gli erogatori privati accreditati al sistema sanitario regionale, che garantiranno le prestazioni, soprattutto quando la sanità pubblica non riesce a rispettare i tempi previsti. Intanto, per venerdì, è previsto un nuovo incontro con al centro il tema delle case della salute, al quale interverranno i medici di medicina generale, i laboratori di analisi, le centrali cooperative, gli ordini dei medici e le organizzazioni sindacali. E Marino, da medico, gongola.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...