Metro C, spunta caserma dei tempi di Adriano. Va spostata e riassemblata

17 maggio 2016 ore 10:49, intelligo
di Luciana Palmacci. 

Sfuggita alle indagini preliminari, sepolta per quasi 18 secoli, ci è voluta la metro C per farla venire alla luce. La caserma d’epoca romana ritrovata in corrispondenza della fermata Amba Aradam rischia di prolungare ancora di più i lavori della terza linea della metropolitana di Roma iniziata nel 2006. Trentanove stanze, alcune affrescate, altre con i pavimenti a mosaico, distribuite sulla bellezza di 1753 metri quadrati; a poca distanza dalla caserma, un ossario di epoca paleocristiana con i resti di 12 persone. 
Metro C, spunta caserma dei tempi di Adriano. Va spostata e riassemblata

Era stata costruita quando a Roma regnava l’imperatore Adriano, ma un secolo più tardi l’avevano abbattuta, rasandola fino a un metro e mezzo da terra e poi interrandola, perché nel frattempo avevano tirato su le mura aureliane e quel quartiere militare era rimasto fuori dalla cinta. Probabilmente dovrà essere smantellata e spostata in un’area limitrofa, per poi essere riassemblata lì dove è stata ritrovata, in quello che sarà il piano -1 della stazione. Una soluzione su cui sta lavorando Roma Metropolitane, in stretto contatto con la Sovrintendenza Speciale per il Colosseo e l’Area Archeologica Centrale di Roma, guidata da Francesco Prosperetti. “Il cantiere proseguirà in parallelo nella parte non interessata dallo scavo” ha rassicurato. Ovviamente il progetto dovrà essere modificato, ma la preoccupazione maggiore è che il reperto ritorni poi al suo posto originale. “Il vero tema” prosegue Prosperetti “è come questo ritrovamento potrà influenzare l’aspetto della futura stazione. Andranno spostate le scale mobili, ad esempio, e dovremo dare anche un significato a questo spazio”. 
Anche il responsabile della linea C per Roma Metropolitane, Andrea Sciotti, ha confermato che la Soprintendenza ha chiesto di studiare un “nuovo allestimento” per la stazione Amba Aradam. “Dobbiamo trovare una soluzione costruttiva e solo dopo questa potremo capire che impatto avrà la scoperta sui tempi finali. Però la tratta T3 (la parte della Linea C tra le fermate Colosseo e San Giovanni, parte della città di Roma fin dall’antichità) è stata progettata tenendo conto di possibili ritrovamenti e i tempi sono ancora lunghi visto che contiamo di aprire nel 2021”. Dunque il cantiere continua, c’è da capire solo quanto la scoperta impatterà sulle tempistiche.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...