Stadio Roma, vertice Raggi-Pallotta: corsa per salvare conferenza servizi

17 marzo 2017 ore 10:10, Americo Mascarucci
Sul nuovo Stadio della Roma prende sempre più quota lo spettro di una nuova Conferenza dei Servizi che di fatto obblighi a ricomiciare l'iter daccapo allungando inevitabilmente i tempi di realizzazione. Ipotesi che il sindaco di Roma Virginia Raggi ha sempre detto di voler scongiurare ma che potrebbe rendersi inevitabilmente di fronte ad uno stravolgimento del progetto iniziale. 
Oggi è in programma un incontro fra la Raggi e il presidente della As Roma James Pallotta, che forse nel pomeriggio vedrà anche il Governatore Nicola Zingaretti. 
Il 5 aprile si terrà una nuova riunione della Conferenza dei Servizi nella quale i proponenti dovranno presentare il nuovo progetto così come modificato in accordo con l'Amministrazione comunale, con il taglio del 50% delle cubature previste in precedenza. Ma il nuovo progetto tarda ad arrivare.
Al momento sul tavolo c'è ancora il vecchio progetto contestato da più parti, la Soprintendenza su tutti, e la delibera approvata dalla precedente Giunta Marino.
Stadio Roma, vertice Raggi-Pallotta: corsa per salvare conferenza servizi
 

Se il progetto, come molti sospettano, si discosterà troppo da quello precedente si dovrà ricominciare dal principio. Si dovrà riaprire una nuova Conferenza dei Servizi e ripetere l'intero iter. 
A sottolinearlo è l'assessore all'Urbanistica della Regione Lazio Michele Civita, che ieri ha partecipato a una audizione della competente commissione del Consiglio regionale: 
"Se il progetto cambierà - dice - si dovrà valutare se la variante sarà sostanziale o se, in caso contrario, si può procedere con una rapida valutazione del progetto attuale. Altrimenti andrebbe chiusa la procedura di valutazione attuale per aprirne una nuova". 
Questa è l'ipotesi più temuta ma anche la più probabile dal momento che, secondo molti, il nuovo progetto sarebbe troppo difforme dall'attuale: insomma non si tratterebbe di piccole modifiche ma di una sostanziale e radicale reimpostazione del progetto.
Intanto oggi Raggi e Pallotta cercheranno di affrettare i tempi e arrivare, almeno a fine marzo con una delibera che manifesti la volontà di superare quella di Marino: ma il vero scoglio sarà trovare il modo e la forma per far accettare le modifiche progettuali dalla Conferenza in atto, scongiurando il rischio di doverne aprire un'altra. 

#stadioroma #raggi #pallotta 
caricamento in corso...
caricamento in corso...