Seggi aperti online per #romaairomani: dopo la bufera, il M5S sceglie il candidato sindaco

18 febbraio 2016 ore 17:01, Americo Mascarucci
èimage:left]Si sono aperte questa mattina le votazioni online del Movimento 5 Stelle per la scelta del candidato sindaco di Roma. 
I seggi virtuali resteranno aperti dalle 10 alle 19, sette ore durante le quali gli iscritti al Movimento potranno esprimere cinque preferenze tra i 208 candidati. "I risultati di fine giornata - si legge sul blog di Beppe Grillo - saranno pubblicati non appena avremo contattato i 10 candidati più votati e avremo avuto la loro disponibilità a concorrere per il ruolo di sindaco di Roma. Dal secondo turno delle "Comunarie", in programma probabilmente il 23 o il 24 febbraio, uscirà il nome del candidato sindaco". Potranno partecipare alla votazione tutti gli iscritti certificati del Movimento 5 Stelle residenti a Roma. 

I nomi degli aspiranti candidati sindaco saranno pubblicati in ordine alfabetico e senza rifermento alle preferenze, questo per dare la possibilità a tutti di partire alla pari per il secondo turno delle votazioni. Le "Comunarie" del Movimento 5stelle all'insegna dell’hastag #RomaAiRomani si svolgono a pochi giorni dalle polemiche che hanno contraddistinto la candidatura di Antonio Caracciolo docente universitario noto per le sue posizioni negazioniste dell’olocausto. Dopo la bufera scatenata intorno alla candidatura ' pentastellati hanno deciso di sospendere Caracciolo dalla competizione sperando così di mettere definitivamente il silenziatore alle polemiche. In più sempre in quelle stesse ore la parlamentare Paola Taverna denunciava l’esistenza di un presunto complotto ai danni del Movimento da parte di Pd e centrodestra che avrebbero volutamente candidato figure deboli, Giachetti da una parte che dovrà adesso affrontare le primarie del Pd e Bertolaso dall’altra. Il tutto secondo la Taverna per favorire la vittoria dei grillini in Campidoglio per poi lasciarli completamente privi di risorse statali e regionali. Questo per poterli poi accusare di non saper governare e quindi indebolirli in vista delle elezioni politiche del 2018. Complotti a parte i 5Stelle la partita a Roma se la possono giocare davvero e molto ovviamente dipenderà dalla scelta del candidato sindaco e della lista dei consiglieri per il Campidoglio. 


caricamento in corso...
caricamento in corso...