Il Tar boccia gli aumenti alle strisce blu: cosa cambia ora a Roma

18 marzo 2015, intelligo
Ieri il Tar ha accolto il ricorso presentato dal Codacons sull’aumento delle tariffe per le strisce blu in vigore dalla scorsa estate. La tariffa era passata da 1 a 1,50 euro all'ora. 

Il Tar boccia gli aumenti alle strisce blu: cosa cambia ora a Roma
Nella serata di ieri l’Atac, che gestisce i parcheggi a striscia blu, è corsa ai ripari diramando una nota nella quale avverte gli automobilisti di un aumento del periodo di sosta per i tagliandi da 1,50 euro. 

“Atteso che per la modifica dei parcometri e degli altri sistemi di pagamento occorrerà, così come del resto è avvenuto all’indomani dell’aumento delle tariffe, un periodo di tempo quantificato, a seconda dei canali di pagamento (parcometri, grattini, titoli online), in giorni o settimane, il pagamento di 1,50 euro a partire da mercoledì 18 marzo consentirà la sosta per settantacinque o novanta minuti, a seconda delle zone. Gli ausiliari della sosta - sottolinea Atac - non terranno conto nell’attività di verifica dell’orario di fine sosta stampato sulla ricevuta esposta, ma solo dell’orario di inizio”.

Grande soddisfazione esprime intanto il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, promotore del suddetto ricorso accolto dai giudici amministrativi. “Gli aumenti non trovavano giustificazione alcuna nella realtà", ha commentato.

“Proporremo ricorso al Consiglio di Stato verso una sentenza che è culturalmente sbagliata” è la risposta di Guido Improta, assessore capitolino alla Mobilità. 

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...