Donazione degli organi: pubblica o privata?

18 ottobre 2013 ore 10:57, intelligo
Donazione degli organi: pubblica o privata?
di Orietta Giorgio. Un gesto di generosità, un dono che salva una vita. Scegliere, semplicemente, di regalare una speranza. Non è poi così facile prendere una decisione in merito. La donazione degli organi, fino a qualche anno fa era un argomento tabù, ora una nuova consapevolezza apre il pensiero dell’opinione pubblica. Nel nostro Paese per la manifestazione della volontà di donare vige il principio del consenso o del dissenso esplicito (art. 23 della Legge n. 91 del 1 aprile 1999; Decreto del Ministero della Salute 8 aprile 2000). Il "silenzio-assenso" introdotto dagli artt. 4 e 5 della Legge 91/99 non ha mai trovato attuazione. Una volta deciso, a chi lasciare, e come, un testamento che certifichi la reale volontà di un individuo riguardo la donazione dei propri organi? Le modalità per dichiarare il proprio dissenso o consenso sono: il tesserino blu inviato dal Ministero della Sanità nel maggio 2000 da portare sempre con sé; la registrazione della volontà effettuata presso gli appositi sportelli delle Aziende Sanitarie Locali e dei Comuni; una dichiarazione di volontà alla donazione di organi e tessuti scritta su un comune foglio bianco che riporti nome, cognome, data e luogo di nascita, data e firma; la tessera o l’atto olografo dell’A.I.D.O. (Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule). Questo fino ad ora. Dal sindaco di Roma, Ignazio Marino, una proposta: "Si potrebbe anche esplorare l'idea di far consegnare ai cittadini che si recano a votare alle urne una scheda su cui indicare se si vuole essere donatori di organi o meno". Dichiarare, quando si vota, la propria volontà in merito. Sarebbe più semplice e comodo. Marino spiega:  "Questa proposta non sarebbe in dissenso con la legge perché ci sarebbe la notifica di un ufficiale giudiziario e in un solo giorno si potrebbero raccogliere milioni di dichiarazioni". Resta "inesplorato" il tema della riservatezza che la proposta di Marino vanificherebbe.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...