Debutto con polemiche della linea per Ciampino, Antitrust boccia Atac 720

18 settembre 2017 ore 12:31, Luca Lippi
Una nuva linea Atac al debutto è il collegamento Laurentina - Aeroporto di Ciampino. Tra le polemica circa il piano di salvataggio dell’azienda di trasporti capitolina, l’amministrazione prosegue a grandi sullo sviluppo della copertura della rete urbana e extraurbana a servizio dei cittadini. Lo sviluppo dei voli low cost, sempre più utilizzati, ha reso necessario un collegamento diretto che arrivi direttamente all’interno dell’aeroporto di Ciampino.
Da oggi (18 settembre) una linea bus urbana arriva all'aeroporto ed è la prima volta. Il numero assegnato alla linea è il 720. La creazione del collegamento è stato annunciato direttamente dal presidente della commissione trasporti Enrico Stefano che ha precisato: "Sarà possibile cosi lo scambio diretto tra l'importante scalo e la Metro B (Laurentina) a beneficio non solo dei turisti ma anche dei quasi mille lavoratori, che potranno fare affidamento su un collegamento economico e rapido.La linea sarà inoltre potenziata, aumentando gli attuali passaggi e prolungando gli orari di esercizio".
Debutto con polemiche della linea per Ciampino, Antitrust boccia Atac 720
Per Enrico Stefano si tratta di "un risultato importante per l'immagine di Roma e di Atac, frutto del duro lavoro che abbiamo avviato nell'ultimo anno con la Commissione, che semplificherà la vita di molti cittadini".
Qualche polemica è comunque emersa sul fatto che Atac in questo modo andrebbe in contraddizione con la sua natura di servizio pubblico offrendo un servizio considerabile ‘turistico’. A tale proposito il consigliere capitolino Marco Palumbo ha dichiarato: "Bus MetroB-Ciampino, già bocciato antitrust. Stefano un Comune non fa servizi turistici ma garantisce trasporti pubblici". 
Mette il carico Dario Nanni del VI municipio: "Il collegamento tra Ciampino e la Metro B è una sciocchezza. Come sentenziato nel 2007 dall'antitrust per analogo servizio Cotral non rientra tra i servizi essenziali per i cittadini. Dopo la dimenticanza della delibera di giunta sul concordato preventivo di Atac, Stefano e M5S hanno preso un'altra cantonata. Il comune non può mettersi in concorrenza con i privati per un servizio puramente commerciale. I cinque stelle mentre si apprestano a portare i libri in tribunale e aver triplicato nel 2016 il passivo del bilancio Atac 2015 vorrebbero istituire una linea di trasporto non necessaria ai cittadini romani".
La replica di Enrico Stefano non si è fatta attendere: "Spiace che gli esponenti del Partito Democratico si siano dedicati in queste ultime ore alla polemica vuota nei confronti di chi lavora e sta lavorando per il bene della città e del trasporto pubblico. L'attacco contro l'importante modifica che da lunedì interesserà la linea 720 è sterile e fuori luogo, per di più contro l'interesse di pendolari e turisti". 
Secondo Stefano, che cita l'articolo 3 della  legge regionale 30/1998, sono servizi comunali "i servizi svolti nell'ambito del territorio di un comune, caratterizzati da una frequenza medio-alta di corse, in presenza di una sostanziale continuità di insediamenti urbani; i servizi che collegano il centro urbano con lo scalo ferroviario, con l'aeroporto o con il porto, situati anche nel territorio di comuni limitrofi; i servizi che collegano il territorio di un comune con una parte marginale e circoscritta del territorio di un comune limitrofo, nonché con un centro di servizi o uno sportello polifunzionale".
Secondo Stefano poi "la citata pronuncia dell'Antitrust si riferisce ad un'altra tratta, quella Ciampino Aeroporto-Termini, con caratteristiche completamente diverse. Invece di polemizzare e andare contro una decisione che da lunedì cambierà la vita a migliaia di cittadini, avrebbero fatto meglio a riconoscere il lavoro di chi in pochi mesi ha fatto quello che loro non sono stati in grado di fare per anni".

#Atac #Linea720 #Polemiche #CiampinoAeroporto #Debutto
autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...