Nomine in Campidoglio, Virginia Raggi ora rischia il processo

20 giugno 2017 ore 17:27, Americo Mascarucci
Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, rischia il processo per le accuse di falso e abuso d'ufficio. La procura di Roma ha chiuso le indagini, atto che potrebbe precedere la richiesta di rinvio a giudizio. Alla Raggi sarebbe contestato il falso in atto pubblico per la nomina poi revocata di Renato Marra, fratello di Raffaele, da vicecapo della polizia municipale alla Direzione Turismo del Campidoglio: si aggiunge poi l'accusa di abuso d'ufficio in concorso con Salvatore Romeo per la nomina di quest'ultimo quale responsabile della segreteria politica del sindaco con un aumento di stipendio da 39mila euro a 110mila euro, poi ridotti a 93mila a seguito dei rilievi Anac.
Nel fascicolo sulla nomina di Romeo sarebbero inserite anche le tre polizze sulla vita che il funzionario intestò a Virginia Raggi, del valore complessivo di 41mila euro, che mesi fa hanno scatenato una serie di polemiche e sospetti.
La Raggi ha visto invece archiviate le accuse di abuso d'ufficio sempre in relazione alla nomina di Renato Marra e per quella di Carla Raineri a capo di gabinetto. Su Renato Marra a carico del sindaco resta soltanto il falso in atto pubblico per aver dichiarato l'estraneità di Raffaele Marra alle decisioni sulla sorte del fratello.
Nomine in Campidoglio, Virginia Raggi ora rischia il processo

#raggi #inchiesta #rinvioagiudizio

caricamento in corso...
caricamento in corso...