Torna la Maker Faire dopo il record del 2015: una festa per droni, robot e studenti

20 marzo 2016 ore 14:11, Micaela Del Monte
Dopo il successo della passata edizione, Maker Faire si fa ancora più grande con Fiera di Roma che, per tre giorni (dal 14 al 16 ottobre), si trasformerà in un vero e proprio parco dell’innovazione con 6 padiglioni a completa disposizione di makers e visitatori per un totale di oltre 100mila metri quadrati. Uno di questi, di circa 7mila metri quadrati, sarà interamente dedicato a conferenze, seminari e workshop. Numeri e ambientazione d’eccezione, dunque, per la più grande fiera europea dell’innovazione promossa dalla Camera di Commercio di Roma, organizzata dalla sua Azienda speciale Asset Camera, e curata da Massimo Banzi, co-fondatore di Arduino insieme con Riccardo Luna, Digital Champion italiano.

Torna la Maker Faire dopo il record del 2015: una festa per droni, robot e studenti
Quest’anno tante le novità. Si parte con la nuova “Call for Big Bang Projects”. Una “call” rivolta a tutti, maker, artisti, visionari per costruire la Maker non solo nei contenuti ma anche nelle sue attrazioni più importanti. E’ infatti possibile proporre le proprie idee che potranno essere presentate nell’area espositiva della Fiera per:

1) progetti di grandi dimensioni; 
2) progetti con elevata interattività e coinvolgimento del pubblico; 
3) allestimenti/attrazioni di forte impatto visivo adatte a caratterizzare gli spazi della manifestazione (padiglioni, percorsi esterni, ingressi e aree di accesso ecc.); 
4) aree per attività interattive (piste, voliere, palchi, laboratori ecc.); 
5) mostre e approfondimenti tematici. Le proposte vanno presentate entro il 31 marzo compilando un apposito modulo disponibile all’indirizzo web http://makers.makerfairerome.eu/bigbang.

Una fiera, quella di Maker Faire, che guarda al futuro non solo in termini di innovazione e digitale, ma anche in termini di risorse e tende una mano al mondo della scuola. Nella "Call for Schools" i ragazzi degli istituti di secondo grado nazionali ed europei sono chiamati a presentare i propri progetti entro il 20 maggio. Ne saranno selezionati 55 che saranno esposti alla fiera in un’area dedicata alle scuole. "Siamo felici che l’innovazione sia nella casa della scuola e della formazione continua - ha detto il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, ricordando i 28 milioni annunciati l’altro ieri per dotare un terzo delle scuole elementari e medie italiane di FabLab con stampanti 3D, kit per la robotica e per la programmazione informatica. A questi, ha annunciato, si aggiungeranno - 40 milioni di fondi strutturali che arriveranno dal Pon".

Due voliere per i droni, una grande Area Kids, centinaia di invenzioni e un premio da 100 mila euro per il miglior progetto. Un appuntamento, quello organizzato da Asset Camera, che sarà preceduto dalla European Maker Week, una settimana di eventi in tutta Europa, dal 30 maggio al 5 giugno. E infatti ieri, alla presentazione al Ministero dell'Istruzione, oltre al presidente della Camera di Commercio di Roma Lorenzo Tagliavanti e al presidente di Asset Camera Luciano Mocci, è intervenuto il Commissario Europeo per l'Economia e le società digitali, Günther Oettinger. "Abbiamo bisogno di creatività, il successo dei maker è importante per lo sviluppo dell'economia europea", ha detto rivolgendosi ai ragazzi delle scuole superiori che hanno mostrato alla platea le proprie invenzioni nell'ambito della Call 4 Schools, che durerà fino al 20 maggio e da cui verranno selezionati 55 progetti che parteciperanno alla fiera. Perché maker non si nasce, ma si diventa, imparando fin da piccoli: "Vogliamo supportare questi giovani già dalle scuole primarie - ha detto il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini - L'innovazione oggi è nella casa della formazione continua. E ne siamo orgogliosi".

Le passate edizioni hanno raccolto più di circa 90mila persone, segno questo che la scienza e le innovazioni hanno sempre più appeal nel nostro Paese e quest'anno non potrà che andare meglio!
caricamento in corso...
caricamento in corso...