De Palo (CittadinixRoma): “Male Renzi sulla famiglia, Marino vive in un Paese virtuale. La nostra proposta”

20 ottobre 2014 ore 12:23, Andrea Barcariol
Gigi de Palo, consigliere comunale all'opposizione, ex assessore alla Famiglia e alla Scuola della Giunta
De Palo (CittadinixRoma): “Male Renzi sulla famiglia, Marino vive in un Paese virtuale. La nostra proposta”
Alemanno, interviene sull'operato del premier Renzi e del sindaco Marino. Il tema delle politiche per la famiglia lo tocca da vicino, è padre di quattro figli e al momento si fa in quattro (lavori) per arrivare a fine mese. Renzi ieri ha promesso 80 euro al mese per le neomamme. Un segnale importante o è ancora troppo poco? «In questo momento non servono i segnali, le famiglie con i segnali non ci pagano il mutuo. Servono politiche concrete e coraggio. Il problema non sono gli 80 euro, il dato di fatto è che i 500 milioni di euro stanziati per la famiglia sono insufficienti. Bene il segnale di Renzi per le neomamme dal 2015, malissimo l’attenzione sulle famiglie in un Paese come il nostro che non fa più figli». Non si dovrebbe intervenire anche su chi ha già una famiglia numerosa? «Io non parlerei di famiglie numerose altrimenti rendiamo questo un problema di nicchia. La nostra proposta è dare 80 euro per ogni figlio minore all’interno di una casa. Paradossalmente da 0 a 3 anni è il periodo in cui i figli costano di meno e servono meno risorse. E’ vero che ci sono i pannolini, ma quando iniziano ad andare a scuola tra libri scolastici e sport i costi sono molto maggiori». Il 4 ottobre ha organizzato la "rivolta" dei passeggini in Campidoglio per protestare contro l’aumento degli asili nido. Il 22 ottobre è attesa la sentenza del Tar, cosa si aspetta? «Non è una rivolta, io sto con i passeggini e non è nemmeno un movimento, è un tema, una proposta che aggrega tutti quelli che hanno a cuore il futuro di questo Paese. Stiamo avendo risposte da tutti a destra, al centro e a sinistra, musulmani ed ebrei, persone con o senza figli». Ma sulla sentenza è ottimista? «Se in Italia regna ancora il buon senso, sono più che ottimista. In caso contrario diventerebbe pericoloso vivere in questo Paese e daremmo un brutto segnale alle famiglie che si sentono truffate da chi li amministra». Con la Giunta Marino per le famiglie sono arrivati aumenti sotto tutti i punti di vista, dalla Tasi alla Tari, dalle strisce blu al trasporto scolastico. Come giudica questa linea politica del sindaco? «Il sindaco Marino vive in un Paese virtuale. Basta vedere la vicenda degli asili nido. Oggi ho fatto i calcoli insieme alle famiglie, quelle reali e che posso presentare al sindaco. Il risultato? Si spenderanno circa 2.400 euro all’anno in più rispetto al 2013. In un momento di crisi andare ad aumentare tutte le tariffe, comprese quelle del nido e del trasporto scolastico, significa non aver capito quali sono le reali priorità di questa città. Purtroppo sul tema degli asili nido -che riguarda 22 mila famiglie in difficoltà economiche -c’è un silenzio assoluto anche dal punto di vista mediatico».
caricamento in corso...
caricamento in corso...