Marcia su Roma, Fiore (FN): "Non siamo più soli, ma non si militarizzi la Capitale"

20 ottobre 2017 ore 11:49, Americo Mascarucci
La "marcia su Roma" organizzata da Forza Nuova il 28 ottobre si farà, anzi no, anzi ni. E' giallo insomma intorno all'iniziativa indetta da FN su cui il ministro dell'Interno Marco Minniti ha opposto il divieto. La Questura di Roma ha detto che la manifestazione non ci sarà, ma Forza Nuova smentisce. Intanto è stata presentata una petizione indirizzata allo stesso Minniti con la quale si chiede di autorizzare il corteo per rispetto della libertà di espressione. "quando si limita la libertà di qualcuno, si limita la libertà di tutti" sostengono i firmatari dell'appello che sono: il generale Marco Bertolini, l'onorevole Ignazio La Russa, il professor Piero Vassallo, il professor Paolo Possenti, gli avvocati Enrico Sanseverino, Baldassare Lauria, Agostino D'Antuoni, l'ammiraglio Salvatore Cabras e il dottor Mario Donnini. Quindi come stanno le cose? Intelligonews lo ha chiesto direttamente al leader di Forza Nuova Roberto Fiore.
Marcia su Roma, Fiore (FN): 'Non siamo più soli, ma non si militarizzi la Capitale'

La fate o no la "marcia su Roma"?

"Non abbiamo revocato nessuna richiesta per ciò che riguarda l'iniziativa del 28 ottobre. Ci sono colloqui in corso con la Questura e si stanno percorrendo tutte le strade possibili perché la manifestazione si possa svolgere. Sto andando a consegnare al ministro Minniti l'appello sottoscritto da La Russa e altri perché la nostra iniziativa possa svolgersi".

Se la manifestazione alla fine sarà vietata la farete ugualmente?

"Noi continueremo a mantenere alta la sfida politica perché il 28 ottobre il nostro popolo possa manifestare liberamente. E' chiaro che se ci troveremo di fronte la città militarizzata non sarà semplice. Ad ogni modo spero che il ministro Minniti, dopo aver letto l'appello sottoscritto da varie personalità per far svolgere il corteo, possa rivedere la sua posizione. Se non lo farà e permarrà il divieto valuteremo il da farsi".

Sareste pronti a farvi arrestare?

"Noi siamo sempre pronti a farci arrestare quando è a rischio la nostra libertà di pensiero e la nostra libertà di agire politicamente. Anche recentemente ne abbiamo dato prova".


caricamento in corso...
caricamento in corso...