Natale di Roma, cosa fare il 21 aprile: concerti, visite notturne e musei gratis

21 aprile 2016 ore 12:05, intelligo
di Luciana Palmacci

Si festeggia oggi il 2769esimo compleanno di Roma. Era infatti il 21 aprile del 753 a.C. quando Romolo, uno dei due gemelli allevati dalla lupa, fondò quella che è oggi considerata la Città Eterna. Italiani e romani orgogliosi delle proprie origini, anche quest’anno festeggeranno la ricorrenza con eventi e iniziative. 

Natale di Roma, cosa fare il 21 aprile: concerti, visite notturne e musei gratis
Da oggi fino al 24 aprile, con un appuntamento conclusivo venerdì 6 maggio, musei gratuiti, letture poetiche, concerti, illuminazioni, rievocazioni storiche, visite guidate ricorderanno il 21 aprile del 753 a.C. quando nacque l'Urbe. Si parte oggi, dalle ore 11 in Campidoglio, nell’Aula Giulio Cesare, dove si alterneranno la Strenna dei Romanisti, i premi e i concorsi (Cultori di Roma, Certamen Capitolinum, Premio Urbis) e la medaglia 2016 dedicata al gemellaggio Roma-Parigi, seguiti nella piazza dal concerto della Polizia Locale. Da domani 21 aprile, una novità, l’apertura gratuita dei Musei Civici della città.
Questa sera 450 luci a led colore bianco oro illumineranno il Foro Romano, i monumenti e le rovine romane. Dal tramonto all’alba, grazie alla collaborazione tra la Soprintendenza ed Electra, con il contributo di Acea che ne ha curato progettazione e realizzazione, la via Sacra, la Basilica di Massenzio, la Casa delle Vestali, piazza del Foro, Curia, Templi e Santa Maria Antiqua riemergeranno dall’oscurità. 

Da domani fino al 28 ottobre partiranno, invece, le visite notturne guidate al Foro, ogni venerdì sera dalle 20 alle 24. Sarà inoltre riaperto al pubblico il Giardino degli Aranci, restaurato e recuperato dal degrado, storico parco dell’Aventino da cui è possibile godere di uno dei panorami più suggestivi della Capitale. Per il terzo anno, infine, tornano ai Fori di Augusto e Cesare i Viaggi nell’antica Roma, gli spettacoli ideati da Piero Angela e Paco Lanciano.

Un’occasione in più dunque per uscire e godere delle bellezze della città ricordando le origini antichissime da cui è sorta. Secondo la leggenda la data precisa del 21 aprile venne individuata da Marco Terenzio Varrone, scrittore e militare dell’antica Roma, e per molto tempo ha fatto capo alla cronologia romana che dipese proprio da questa data con l’espressione “Ad Urbe Condita” “dalla fondazione della città”.



autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...