Ostia, è squalofobia: aumentano i controlli sul litorale romano

21 luglio 2014 ore 13:28, intelligo
La scorsa settimana credeva di aver pescato un tonno, ma ad aver abboccato era invece uno squalo Mako. Un esemplare di circa un metro, appartenente alla famiglia dello squalo bianco, la cui presenza è molto rara nel mar Mediterraneo.  

Ostia, è squalofobia: aumentano i controlli sul litorale romano
A Ostia da giovedì non si parla d'altro, anche se è lo stesso pescatore a ridimensionare l'allarme: "Eravamo a dieci miglia dalla costa, su un fondale di centodieci metri circa, perciò non bisogna creare paura anche se è un episodio comunque da tener presente". Lo squalo è riuscito a liberarsi dall'amo, allontanandosi subito dall'imbarcazione.

La capitaneria di porto ha dunque raddoppiato i turni e i controlli sono proseguiti, e proseguono tutt'ora, lungo il litorale tra Ostia e Fiumicino. Le operazioni sono coordinate dal comandante della capitaneria di porto Rosario Febbraro, e si dividono in quelle via mare con l'aumento dei turni delle motovedette, e via terra con nuovi punti di avvistamento per monitorare le acque a ridosso della battigia.  
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...