Una Nuvola d'oro su Roma: in arrivo 300 milioni dal nuovo Centro Congressi

21 luglio 2016 ore 9:34, Andrea Barcariol
Sarà inaugurata il prossimo 29 ottobre, con tanto di diretta tv su RaiUno, 'La Nuvola' dell'architetto Massimiliano Fuksas, destinata a diventare il principale Centro Congressi di Roma. Iniziati nel 2008, dopo anni di ritardi e sospensioni, i lavori di costruzione del Centro Congressi si sono conclusi lo scorso 30 giugno. Prevista una ricaduta di oltre 300 milioni di Pil su Roma. Questa la stima che arriva dall'ad di Eur spa Enrico Pazzali nel corso della presentazione di ieri. Un tour tra le 37mila tonnellate di acciaio e i circa 58mila metri di vetro della struttura, con spettacolari giochi di luci in notturna, alla presenza anche dei vertici di Condotte, l'impresa che ha realizzato i lavori, durati otto anni. ''Non è un'opera immobile - spiega Pazzali - ma genererà ricchezza per Roma e il paese, con flussi economici e occupazionali importanti. Uno studio della camera di commercio stima che un congressista spenda circa 1400 euro a congresso e noi, a regime quindi tra 3-5 anni, possiamo puntare ad ospitare tra i 200 e i 300mila congressisti l'anno, il che significa una potenziale ricaduta sul territorio tra i 300 e i 400 milioni. Il nostro obiettivo è rendere più internazionale Roma su un fronte, quello del turismo congressuale, su cui siamo carenti''.

Una Nuvola d'oro su Roma: in arrivo 300 milioni dal nuovo Centro Congressi
Il nuovo Centro Congressi di Roma ha una capienza complessiva di 8000 posti, di cui oltre 6000 nelle sale congressuali e 1762 nell'Auditorium, rivestito da pannelli in ciliegio americano per migliorare l'acustica. All'interno della grande Teca costruita in acciaio con doppia facciata in vetro, al piano terra ci sono le sale congressuali, di cui la Plenaria può ospitare fino a 600 persone, distribuite su 9000 mq di spazio modulabile, grazie a un sistema di pareti mobili.
Questi i numeri di una struttura che ha tutte le caratteristiche per diventare il principale atout di Roma nei confronti degli operatori congressuali di tutto il mondo. Quanto agli investimenti relativi all’appalto per la costruzione del centro congressi e dell’albergo il quadro economico per progettazione, lavori, direzione lavori, collaudo, opere complementari innovative e altri oneri ammonta a circa 300 milioni di euro.

caricamento in corso...
caricamento in corso...