F. Rocca vs Tronca: "5 milioni di euro ai rom? Un'offesa ai romani che pagano le tasse. Pericolo anarchia"

22 febbraio 2016 ore 16:25, Micaela Del Monte
Un provvedimento adottato dal Campidoglio che prevede lo stanziamento di 5 milioni di euro al fine di regolarizzare i mercatini rom, un appalto per l’affidamento del servizio di gestione sociale di sei villaggi per i nomadi deciso dal Dipartimento Politiche Sociali. E' questa la "notizia" che sta facendo discutere particolarmente a Roma. Il bando infatti pare preveda di “supportare la regolarizzazione e il rafforzamento di attività professionali preesistenti e contraddistinte da carattere economico informale”, una decisione presa dal commissario Tronca che Federico Rocca, responsabile romano enti locali di Fdi-An, ha commentato duramente a IntelligoNews.

F. Rocca vs Tronca: '5 milioni di euro ai rom? Un'offesa ai romani che pagano le tasse. Pericolo anarchia'
Cinque milioni di euro stanziati per incentivare e regolarizzare i mercatini Roma, significa che i soldi nelle casse romane ci sono. Ma sono queste le priorità?

«Cercare di legalizzare e riorganizzare i mercatini illegali presenti in vari punti della Capitale è una vera e propria contraddizione. Soprattutto se pensiamo alle voci che girano riguardo al bilancio comunale di Roma, voci che sono tutto fuorché rassicuranti. Basta pensare che nello stesso bilancio si è deciso di aumentare le rette scolastiche per i servizi educativi con dichiarazioni tipo "dobbiamo privatizzare gli asili nido perché non abbiamo soldi per mantenerli", e poi invece si trovano 5 milioni di euro per un'iniziativa che non solo non rappresenta una priorità, ma che inoltre troviamo assurda e offensiva nei confronti di chi paga le tasse e rispetta le leggi. Se chi per anni ha vissuto di attività illegali alla fine riceve anche il premio da parte dell'amministrazione non possiamo far altro che essere inquietati e arrabbiati. Ma soprattutto siamo stanchi di veder nascere iniziative di questo tipo che si ripercuotono poi sulla pelle dei romani».

Cosa si sta facendo per convincere il commissario Francesco Paolo Tronca a il Campidoglio a cambiare rotta?

«Noi stiamo chiedendo ufficialmente di sospendere immediatamente questo bando perché lo riteniamo inutile, offensivo e assolutamente non una priorità. L'ho fatto io in prima persona e lo farà nei prossimi giorni Fabio Rampelli in qualità di capogruppo alla camera per Fdi. Da tenere in considerazione c'è anche il fatto che questa decisione esula dalle competenze del commissario straordinario Tronca che dovrebbe invece occuparsi di ordinaria amministrazione, ovvero dovrebbe pensare al decoro della città, a far camminare gli autobus e a mantenere la manutenzione stradale. Qualora  poi Tronca non dovesse accogliere questo nostro invito stiamo anche cercando di organizzare una manifestazione per chiamare i romani a raccolta per permettere loro di esprimere un pensiero, ma siamo convinti che quasi la totalità dei cittadini sia contro questa decisione»

Quale messaggio si rischia di mandare con questa decisione?

«E' senza dubbio un messaggio fuorviante che sottolinea la resta dello Stato, che nell'incapacità di reprimere un reato, nell'incapacità di saper mettere fine a questa pratica illegale del commercio abusivo, decide di regolarizzarla. Così finiremo per vivere in un Paese in preda all'anarchia dove chi delinque vince su chi si comporta bene. Questo è senza dubbio un messaggio scoraggiante che un'amministrazione non può permettersi di mandare. A nostro avviso il commissario Tronca dovrebbe fare un'altra cosa: se c'è un'attività illegale sul nostro territorio dovrebbe chiamare le Forze dell'Ordine e andare a reprimere quel reato».
caricamento in corso...
caricamento in corso...