Santori (La Destra): «E' ora di riorganizzarsi a destra»

22 marzo 2013 ore 10:42, Marta Moriconi
Santori (La Destra): «E' ora di riorganizzarsi a destra»
Fabrizio Santori è il  neo-eletto nelle file de La Destra alla Regione Lazio. Ma lavora intensamente anche per  una riunificazione delle forze politiche di destra,  troppo frammentate e «sparse  un po’ qua e là». E la svolta starebbe per arrivare. Il Comitato Centrale de La Destra di Francesco Storace – sottolinea con orgoglio-  ha approvato un documento in cui ha nominato un Comitato Promotore per la Costituente, composto da 15 giovani provenienti da tutt’Italia. Quanto alle primarie Pd si dice favorevole allo strumento, ma è convinto che la sinistra verrà punita nuovamente «per colpa di certi retaggi comunisti». E sul M5S... Il M5S in Regione. In arrivo novità web, lo streaming.... Vi preoccupa? «Assolutamente no. La questione dell’informatizzazione di tutti gli atti e della trasparenza dell’azione amministrativa, ma a tutti i livelli, non solo relativamente al Consiglio regionale, è una nostra priorità. Comprese le Commissioni. Tutto ciò che riguarda la giunta deve essere pubblico, perché i cittadini devono vedere quali sono le decisioni. Tutto questo faceva parte del nostro programma, abbiamo una nostra linea d’indirizzo che faremo pesare all’interno del Consiglio Regionale (che comunque è aperto al pubblico) e soprattutto cercheremo di condizionare in tal senso la giunta Zingaretti». Credi che una riunificazione delle forze di destra sia possibile? «Dobbiamo andare in questa direzione. Ce lo chiede proprio la gente. E’ necessaria una riunificazione del centro-destra. E quindi il prossimo passo deve essere una sorta di Stati Generali della destra. L’azione delle forze politiche di destra è troppo frammentata. Occorre una smossa culturale. C’è tutta un’area politico-culturale, appunto, che aspetta  di avere una destra in Parlamento. Per questo il Comitato Centrale de La Destra di Francesco Storace ha approvato un documento, in cui ha nominato un Comitato Promotore per la Costituente composto da 15 giovani provenienti da tutt’Italia. Sono giovani freschi e desiderosi di mettersi al servizio alle idee. Anche io ho contribuito con un documento elaborato da figure intellettuali di destra che si chiama ‘Ora Destra Punto e Capo,  Manifesto dei Valori non negoziabili’. A questo si aggiungeranno gli elaborati degli altri». Marroni che si sposta su Sassoli. Marino sceso in campo. Da ex consigliere comunale cosa ne pensi? «Mi appassionano solo le primarie. Spero, lo ammetto, che la sinistra faccia l’errore di portare le persone di struttura come ha fatto alle politiche. Con Matteo Renzi avrebbe vinto le elezioni a mani basse. Ma la cultura della sinistra è quella degli apparati. Si è visto con il Monti dei Paschi dei Siena: funzionari di partito messi all’interno di una banca privata. Sono retaggi comunisti che verranno puniti anche a Roma».
caricamento in corso...
caricamento in corso...