Berlusconi loda Bertolaso ma "corteggia" Marchini: Roma laboratorio del "grande centro"?

23 marzo 2016 ore 14:09, Americo Mascarucci
"Guido Bertolaso è la più grande opportunità che Roma abbia avuto dal dopoguerra a oggi. E' il nostro Giuliani, e sono sicuro che saprà risolvere i giganteschi problemi della nostra capitale". 
Lo afferma, ai microfoni di Radio Cusano Campus, il leader di FI Silvio Berlusconi sottolineando come il confronto tra Bertolaso e gli altri candidati a Roma sia di "10 a 1. Lui è un campione del fare, gli altri sono campioni del bla bla bla. E a Roma serve una guida eccezionale, non uno dei chiacchieroni della politica". 
L'ex premier - che ha parlato indossando un paio di occhiali da sole a causa di un intervento agli occhi - ha ribadito che l'ex capo della Protezione civile sarà appoggiato solo dal suo partito e da una lista civica composta da nomi di "alto livello". 
Berlusconi dunque continua a blindare Bertolaso chiudendo sembra le porte in faccia al duo Salvini-Meloni che appena ieri avevano ribadito la volontà di trovare un accordo con Forza Italia. Ma Berlusconi non ne vuole sapere di "ridurre" Bertolaso a numero due della Meloni. 
La leader di Fratelli d’Italia infatti continua a puntare sul ticket con Bertolaso ipotesi che però il diretto interessato ha sempre escluso a priori e senza condizioni. 
Allo stato attuale dunque le probabilità che il centrodestra torni unito intorno alla Meloni appare remota, quasi impossibile. A tutto ciò si è aggiunto anche negli ultimi giorni il segnale di disponibilità lanciato da Berlusconi in direzione dell’ex pupillo Angelino Alfano con il quale sembrava aver rotto definitivamente i ponti privilegiando l’asse con Salvini. Approfittando delle prossime elezioni regionali siciliane previste il prossimo anno l’ex Cavaliere ha invitato i centristi di Alfano ad andare uniti con Forza Italia per battere Crocetta. Una mano tesa che secondo molti potrebbe sortire i suoi effetti già a queste amministrative e proprio su Roma

Berlusconi loda Bertolaso ma 'corteggia' Marchini: Roma laboratorio del 'grande centro'?
Alfano e company per il Campidoglio puntano sull'imprenditore Alfio Marchini che in realtà era molto gradito anche a Berlusconi; il quale però si era trovato a dover rinunciare al proposito di fronte all'iniziale intransigenza di Lega e Fratelli d’Italia a convergere su Marchini (anche se poi il Carroccio lo ha preso in considerazione come candidato alle gazebarie leghiste). Ebbene, stando ai rumors negli ultimi giorni da Forza Italia sarebbero ripresi i contatti con Marchini con l’idea di convergere su di lui. 
Ipotesi che potrebbe concretizzarsi con una rinuncia di Bertolaso che, a quanto si apprende, sarebbe disponibile al passo indietro per favorire questa soluzione. Il tutto ovviamente in chiave anti Meloni e Salvini.
 Insomma Berlusconi pur continuando a blindare Bertolaso starebbe lavorando all'idea di riunire l’area moderata appoggiando Marchini, con l’obiettivo da un lato di non "sacrificare" l’ex numero uno della Protezione Civile facendolo uscire sconfitto dallo scontro con la Meloni, dall'altro di ricucire lo strappo con Alfano e Casini isolando Salvini. E Roma potrebbe essere il laboratorio ideale. Aspettare per credere.  
caricamento in corso...
caricamento in corso...