Raggi dalla finestra del Campidoglio, esordio fra lacrime e diretta Fb - VIDEO

24 giugno 2016 ore 13:34, Americo Mascarucci
"La Crusca ha detto sindaca, ma voi chiamatemi pure Virginia". 
Così il primo sindaco domnna della Capiitale ha risposto alla domanda sul titolo con cui essere appellata: sindaco o sindaca?
Ieri è stato il primo giorno di Virginia Raggi sindaco, si è insediata in Campidoglio dove è arrivata a bordo di un'auto elettrica e ha preso in mano le redini dell’amministrazione capitolina. 
Momenti di forte commozione quando si è affacciata sul balcone dell’ufficio del sindaco con vista esclusiva sui Fori imperiali. 
Ha stretto la mano ai tanti dipendenti capitolini che l'attendevano con i quali si è complimentata per la folta presenza femminile: "Che bello vedere così tante donne nell'amministrazione. Forza!", ha detto. 
In diretta sul suo profilo Facebook la Raggi ha aperto idealmente ai cittadini romani il balcone. "I cittadini entrano per la prima volta nelle istituzioni - dice Raggi -, vi faccio vedere la stanza della sindaca. Vi faccio uscire sul balconcino, vi faccio vedere cosa stiamo amministrando. Questa è Roma". 
Non riesce a trattenere le lacrime quando affacciandosi sui fori si rende forse conto di quale gravosa responsabilità pesa sulle sue spalle. 
''Ora governeremo Roma - dice a metà fra commozione e sangue freddo - Abbiamo cinque anni per iniziare a cambiare le cose. Io sono emozionatissima. Devo dire che oggi quando mi sono affacciata al famoso balconcino, non ho trattenuto le lacrime, mi sono davvero emozionata perché è un onore poter servire la propria città".
Poi aggiunge: ''Roma merita di essere amata e io credo che questa sia l'occasione che tanti aspettavano. Sono pronta - aggiunge Raggi - mi metto a disposizione per questo bellissimo progetto. Vi racconterò quello che accade, quello che faccio, quello che capita perché a Roma c'è un mondo, c'è tanto da fare. Io sono pronta''.

Raggi dalla finestra del Campidoglio, esordio fra lacrime e diretta Fb - VIDEO
Prima missione formare la giunta capitolina. "Presenterò la squadra il 7 luglio durante la prima seduta del consiglio comunale" chiarito - precisando che gli assessori non saranno sottoposti al codice etico che invece vale per sindaco e consiglieri.
C’è poi il capitolo partecipate: "Oggi stesso dovrei depositare una lettera al dipartimento Partecipazioni per iniziare da subito ad avere chiarimenti su Atac e Ama" ha detto la Raggi. "Sulle partecipate ci sarà un assessorato apposito, per cui è importante iniziare da subito la riorganizzazione. Dobbiamo valutare i componenti dei consigli d'amministrazione attuali per capire cosa hanno fatto e cosa non hanno fatto e ovviamente metteremo mano anche a loro".
Alcuni dei quasli però hanno già anticipate le mosse rassegnando le dimissioni. 




caricamento in corso...
caricamento in corso...