Campidoglio, non "passa" neanche Bertolaso. Rispunta Giorgia Meloni

25 gennaio 2016 ore 13:02, Lucia Bigozzi
Prima su, poi giù. Il borsino del candidato sindaco del centrodestra per Roma, è altalenante. In particolare per Guido Bertolaso il cui nome nei giorni scorsi era circolato come ipotesi “avanzata” per la corsa al Campidoglio. C’erano stati due passaggi e sancire che l’ex capo della Protezione Civile era in partita: la sua intervista nella quale Bertolaso in sostanza argomentava la sua disponibilità alla sfida elettorale per il dopo-Marino e le dichiarazioni di apprezzamento che su questa ipotesi non aveva risparmiato il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi (appena la settimana scorsa). Ora per Bertolaso il “borsino” del candidato fa registrare una frenata e tutti i giochi si riaprono. Insomma, punto e accapo. Secondo gli spifferi di Intelligonews, a mettere per così dire, in stand by l’opzione Bertolaso sarebbe la sua vicenda giudiziaria che lo vede indagato nel filone sul terremoto de L’Aquila del 2009, in un procedimento parallelo a quello dei sette esperti della Commissione scientifica consultiva all’epoca istituita presso la Presidenza del Consiglio, che in primo grado furono condannati a sei anni di carcere ciascuno poi assolti in Appello. Negli ambienti di Forza Italia si vocifera delle perplessità legate proprio alla vicenda giudiziaria, come un ostacolo, o almeno un freno, a portare avanti la candidatura dell’ex capo della Protezione Civile. 

Campidoglio, non 'passa' neanche Bertolaso. Rispunta Giorgia Meloni
E adesso?  Al momento, il partito sembra preferire la linea attendista anche se – segnalano gli spifferi di Intelligonews – c’è chi non esclude la possibilità, in caso di assoluzione di Bertolaso e di vittoria del centrodestra alle comunali, che proprio lui possa essere chiamato a dare una mano nell’eventuale ruolo di city manager affiancando il sindaco eletto. Se Bertolaso rallenta la sua probabile corsa nell’agone politico, forse il presidente della Lazio Claudio Lotito non l’ha neppure cominciata, dal momento che il suo nome qualche settimana fa era circolato nella lista dei candidasti papabili del centrodestra al Campidoglio. Una percezione nei ranghi dello schieramento che Intelligonews aveva intercettato e registrato come una delle ipotesi fantascientifiche. Il motivo? Lega e Fratelli d'Italia non avrebbero intenzione di mollare la presa di una propria candidatura, di fronte alle rivendicazioni di un partito, Forza Italia appunto, secondo i sondaggi sconta una crisi di consensi e si mostra diviso al proprio interno. 
Chiaro che se le quotazioni di Guido Bertolaso scendono, a salire – sempre di più – sono quelle del leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni che finora si è sempre sottratta al giochino del toto-candidati. Ma alla fine potrebbe essere proprio lei a rappresentare l’asso pigliatutto nel centrodestra. 
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...