Delirio Depeche Mode all'Olimpico: solo la prima tappa, quando tornano

26 giugno 2017 ore 20:59, Andrea Barcariol
Hanno entusiasmato 53mila fan con due ore e mezza di musica, aperte da Revolution dei Beatles. Grande successo allo Stadio Olimpico di Roma per i Depeche Mode nella prima data italiana del Global Spirit Tour, che ha avuto inizio a maggio scorso a Stoccolma dopo l'uscita dell'ultimo album. Una scaletta che in 18 brani (più 5 bis) ha ripercorso le tappe fondamentali della carriera della storica band.

Delirio Depeche Mode all'Olimpico: solo la prima tappa, quando tornano
In apertura di concerto un omaggio a John Lennon, poi due pezzi tratti da "Spirit", è un salto nella storia dei grandi successi della band britannica: "Barrel of a gun", dell'album Ultra (1997), "A pain that I'm used to" da Playing the angel (2005), "Corrupt" da Sounds of the universe (2009), "In your room" da Songs of faith and devotion (1993). Un mix perfetto di nuove canzoni e vecchi successi che infiammano il pubblico con Dave Gahan scatenato sul palco (nonostante i 55 anni, un arresto cardiaco per overdose e un tumore) che a torso nudo incanto la folla. Finale con un altro omaggio "storico", questa volta con "Heros" di David Bowie, icona della musica inglese scomparsa lo scorso anno. I Depeche Mode si esiberanno il 27 giugno a Milano, allo Stadio San Siro e il 29 giugno a Bologna. La Band ha anche annunciato le tre date invernali in Italia del tour: Torino, 9 dicembre, Bologna, 13 dicembre, Milano, 27 gennaio 2018. 

 
La scaletta di Roma 
Going Backwards 
So Much love 
Barrel Of a gun
A pain that I’m used to 
Corrupt 
In your room 
World in my eyes
Cover me
A question of Lust 
Home
Poison Heart 
Where’s the Revolution 
Wrong
Everything counts
Stripped
Enjoy the Silence
Never Let me down again
Somebody 
Walking in my shoes
Heroes
I feel you
Personal Jesus

DEPECHE MODE - sono un gruppo musicale inglese formatosi a Basildon nel 1980. La band è formata da Dave Gahan (voce), Martin Lee Gore (chitarra e tastiere) e Andrew Fletcher (tastiere, basso e portavoce). La formazione originaria comprendeva anche Vince Clarke (tastiere), conosciuto per essere lo strumentista degli Yazoo, che ha lasciato la band nel 1981. Dopo l'abbandono di Clarke, Alan Wilder (tastiere) si è unito al gruppo nel 1982 per poi lasciarlo nel 1995

#depechemode #roma #concerto #globalspirittour



caricamento in corso...
caricamento in corso...