Giubileo, Gabrielli o Marino il vero nodo sono i 50 milioni per 48 cantieri

27 agosto 2015, Luca Lippi
Giubileo, Gabrielli o Marino il vero nodo sono i 50 milioni per 48 cantieri
Il governo non concede fondi a Roma per il Giubileo, ma solamente il beneficio di poter disporre di 50 milioni di euro già nella disponibilità del Comune di Roma e vincolati per il patto di stabilità. A questi si aggiungeranno successivi fondi che (anche questi) non saranno erogati dal Governo ma ricavati attraverso due escamotage: la ridefinizione dell’ammortamento del debito e ulteriori deroghe al patto di stabilità, come già avvenuto per i 50 milioni appena sbloccati.

Alla cabina di regia ci sarà il Prefetto Gabrielli, e per il momento a trattare per Roma Capitale c’è il Vicesindaco Causi che sta pianificando in nome e per conto di Marino, afferma Causi “sono pienamente legittimato a guidare la giunta e a firmare una nuova delibera”.

Alfonso Sabella aveva già annunciato, di fatto, il sollevamento da ogni decisione di Marino, senza per questo costringerlo a dimissioni anticipate. 

Ignazio Marino può proseguire le sue vacanze, il Campidoglio è ben presidiato. E da oggi, con il pronunciamento del Consiglio dei Ministri che scongiungerà lo scioglimento del Comune di Roma per mafia, lo sarà ancora di più. Questo perché il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, avrebbe proposto di mettere l’amministrazione comunale «sotto tutela», disponendo comunque l’invio di una squadra di emissari, affidata al coordinamento del prefetto Franco Gabrielli, che presidierà dipartimenti e municipi dove si è accertata o si presume, la presenza di cointeressenze “poco limpide”.

L’unico municipio a essere sciolto ufficialmente per infiltrazioni mafiose, con decreto del Presidente della Repubblica, sarà il X Ostia, per il resto Gabrielli avrà un ruolo di supervisore e garante, nel rispetto di un crono-programma di 18 mesi al termine dei quali “nel Comune di Roma verrà ripristinata la legalità”. Si tratta di un piano di azione ben definito, che punta a «bonificare» tutti quegli ambiti resi terra di conquista da parte degli inquisiti per “Mafia Capitale”, verde pubblico, ambiente, politiche sociali (rom e immigrati) ed emergenza abitativa.  
 
Il Cdm di oggi disporrà anche il trasferimento e il demansionamento di una serie di dirigenti finiti fra i 101 della black-list stilata dagli ispettori prefettizi, come previsto dall’articolo 143, comma 5, del Tuel (Testo Unico Enti Locali), ci sono anche le schede relative a consiglieri di maggioranza e opposizione non indagati (Belviso, Cochi, Pastore, Battaglia), ma comunque per loro non è prevista la rimozione coatta. Nel frattempo Marino prosegue serenamente le sue vacanze!

Nel Cdm di oggi potrebbe essere anche nominata Silvia Scozzese (assessore al bilancio) commissario governativo per la gestione del debito pre¬gresso del comune di Roma, per poter concludere in tempo le 48 opere giubilari elencate nella delibera approvata dalla giunta il 13 ago¬sto scorso.

I 48 cantieri in programma sono: (manutenzione strade) in piazza della Repubblica, via Zanardelli e via del Banco di Santo Spirito. Via subito i sampietrini da via Cesare Battisti, via IV Novembre, largo Magnanapoli e in seguito da piazza Venezia. Manutenzione straordinaria per le strade è prevista a Maresciallo Diaz, Flaminio, delle Armi, Michelangelo, Mellini, Prati, delle Navi, Arnaldo da Brescia, Sangallo, Fiorentini, Altoviti, in Augusta, Pierleoni, Tebaldi, Aventino, Testaccio, Ripa, Raffaele Sanzio, Gianicolense e Farnesina. Fra i 48 interventi anche quelli sui  ponti  di Prati e del Vaticano: Cavour, Umberto I, Sant’Angelo, Vittorio Emanuele II e Principe Amedeo.

Qualcosa anche per marciapiedi, caditoie con la riqualificazione delle aree di San Pietro, Piramide ed Eur Fermi, e del Parco di Colle Oppio. Prevista anche una nuova linea di tram dall’Ostiense con Trastevere. Per quanto riguarda l’accoglienza ai pellegrini saranno disponibili nuovi bagni pubblici e attivati alcuni percorsi pedonali. 

Secondo l’assessore Pucci si aggiungeranno 125 milioni che già il Comune aveva destinato a investimenti. Tutti i lavori saranno affidati con procedura negoziata, al massimo ribasso, ricorrendo alle imprese iscritte all’albo fornitori di Roma.

Attendiamo la riunione di oggi per ulteriori “aggiustamenti”, ma concedeteci qualche dubbio sui tempi di consegna...

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...