Roma, muore dopo 2 giorni dal trapianto di cuore: l'ira della Lorenzin

27 settembre 2017 ore 10:43, intelligo
Un uomo di 60 anni sottoposto a un trapianto di cuore per aumentare la propria aspettativa di vita avrebbe ricevuto invece in "dono" un organo malato. Se la vicenda fosse confermata rappresenterebbe un grave caso di malasanità. Il quotidiano il Messaggero racconta nell'edizione odierna racconta come il paziente fosse stato chiamato dall'ospedale San Camillo di Roma per il trapianto (il cuore è arrivato dall'ospedale San Raffaele di Milano da un 50enne che aveva dato il suo consenso alla donazione, ed è morto dopo un malore in una piscina).

Roma, muore dopo 2 giorni dal trapianto di cuore: l'ira della Lorenzin
Il paziente romano, però, è deceduto per arresto cardiocircolatorio 48 ore dopo l'operazione. Non una crisi di rigetto, non un'infezione o una complicazione dell'operazione, a stroncarlo è stata un'insufficienza cardiaca. Secondo quanto appurato dagli inquirenti la colpa sarebbe proprio di quel cuore trapiantato, che non sarebbe stato adatto all'operazione, provenendo da un paziente con patologie cardiache, morto proprio per un infarto.
Sull’accaduto la Procura capitolina ha aperto un fascicolo per omicidio colposo. Ora si dovrà stabilire se è stato commesso un errore nel giudicare l'organo idoneo al trapianto. Il fascicolo è ancora a carico di ignoti.
Sulla vicenda è intervenuta immediatamente anche la ministra della Salute, Beatrice Lorenzin su Radio Capital: "Si tratta di una notizia gravissima ma singolare per un sistema come quello italiano. Con il Centro nazionale trapianti abbiamo procedure di massima sicurezza fra le migliori al mondo. Mi sembra uno di quegli errori tragici, ma anche inaccettabili. Vedremo se ci sono state delle falle e agiremo di conseguenza".

TRAPIANTI DI CUORE: I DATI
Nel 2015 in Italia il numero di interventi tenutisi è stato di 219, a fronte di ben 696 richieste. Sempre nel nostro Paese, l'attesa media per un cuore "nuovo" è di circa 28 mesi, ovvero 2 anni e 4 mesi. I centri ospedalieri italiani, in grado di realizzare un trapianto di cuore, sono 17. Secondo alcune ricerche statistiche, ogni anno nel mondo, si tengono circa 3.500 trapianti di cuore. Il maggior numero di interventi avviene negli Stati Uniti: dove si realizzano annualmente tra le 2.000 e le 2.300 operazioni.

#roma #cuore #trapianto




autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...