Non solo vip, il Verano apre i loculi al popolo: come 'a livella di Totò

29 aprile 2015, Andrea De Angelis
A leggere questa notizia il pensiero non può che andare a Totò. Ma andiamo con ordine. 

Non solo vip, il Verano apre i loculi al popolo: come 'a livella di Totò
Il Verano a differenza degli altri cimiteri, essendo monumentale, ha una disciplina speciale ed in particolare fino ad oggi non era più possibile prendere in concessione dei loculi.

Gli unici soggetti che ne avevano possibilità erano personaggi di chiara fama, i defunti che avevano onorato con la loro vita la città di Roma, che si erano distinti per gesti particolari.

Ma visto che negli anni molti loculi (oltre 600) sono tornati disponibili, l'Ama ha deciso di sospendere un blocco lungo 15 anni dando inoltre la possibilità a tutti di prendere in concessione i loculi.

Si mantiene una quota del 15% riservata per i personaggi di chiara fama

Così viene in mente 'a livella,  la poesia di Totò, quella in cui il nobile marchese riposa accanto al netturbino Gennaro...

"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella 
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"


caricamento in corso...
caricamento in corso...