Emergenza rifiuti Roma, proseguono le polemiche Fortini-Muraro. FOTO CHOC- REPORTAGE #Romarisorgi

03 agosto 2016 ore 13:14, Americo Mascarucci
Non accennano a placarsi le polemiche intorno al "caso Muraro", l'assessore all'Ambiente della Giunta Raggi accusata dall'opposizione di "conflitto d'interessi" per le passate consulenze avute con l'Ama e con alcune società di gestione dei rifiuti.
A puntare il dito contro l'assessore 5Stelle per la quale nella base grillina pare inizino ad arrivare richieste di dimissioni, è il presidente dimissionario di Ama Daniele Fortini che nel corso di un'audizione in commissione Ecomafie ha attaccato frontalmente la Muraro:
"Io ho cercato di instaurare un clima di lealtà e collaborazione - ha detto Fortini - la risposta sono stati i blitz, mi ha ferito l’imboscata di un’amica che conosco da anni. Ma Paola Muraro non è una semplice collaboratrice, è stata una persona influente in Ama" . 
Fortini va giù duro a attacca: "L'assessora all'Ambiente Paola Muraro in Procura non ci è mai andata. Ha visto le truffe, gli impianti scassati, i dirigenti che non si prendevano responsabilità e ha sempre chiuso un occhio o tutti e due".
Di ritirare le dimissioni Fortini non ne vuole proprio sapere:
"Le mie dimissioni? Faccio tutti i migliori auguri ai miei successori. Una sola raccomandazione: legalità. Senza Ama non si governa, affonda", ha aggiunto.
Sono dunque giornate molto intense in Campidoglio per cercare di affrontare la prima vera emergenza della giunta Raggi.
Il sito del Guardian nella sua home page titolava sul sindaco di Roma, "sotto pressione per il conflitto d’interessi dell’assessore ai Rifiuti".
La prossima settimana, il 10 o l’11 agosto la Raggi e la Muraro dovranno riferire in aula.
Entro il 17, infatti, sarà convocata un’assemblea capitolina straordinaria su Ama. Il 28 luglio è stata protocollata negli uffici della presidenza la richiesta del consiglio comunale straordinario avanzata da tutti i consiglieri di opposizione.
Forse la Muraro potrebbe essere costretta a lasciare prima, se come sembra alla Raggi starebbero arrivando pressioni per farla dimettere.

Intanto continua il nostro viaggio nella Roma soffocata dal degrado e dai rifiuti al grido di #Romarisorgi. 
Una situazione sempre più insostenibile come dimostrano le foto che abbiamo pubblicato anche oggi. Non c'è zona di Roma che non sia invasa dall'immondizia che trabocca dai cassonetti. Ieri abbiamo presentato la situazione nei quartieri Prenestina e Casilina, oggi siamo andati a fotografare lo stato delle cose in via Marconi e Piazza Vittorio a due passi dal centro.
Lo spettacolo che si presenta è davvero sconcertante. Rifiuti abbandonati sulle strade o in prossimità di cassonetti strapieni, oggetti ingombranti abbandonati ai cigli delle strade, di tutto e di più.
Questa è purtroppo l'immagine che offre di sé la Capitale d'Italia.
"Roma sarà pulita entro il 20 agosto" aveva promesso l'assessore Muraro. Con quello che sta avvenendo in Campidoglio difficile crederlo.

<
>
caricamento in corso...
caricamento in corso...