Da Roma il giro del mondo per difendere elefanti e rinoceronti. La marcia animalista contro l'avorio

03 ottobre 2014 ore 10:42, Orietta Giorgio
Da Roma il giro del mondo per difendere elefanti e rinoceronti. La marcia animalista contro l'avorio
Il 4 Ottobre, in coincidenza con la Giornata mondiale degli animali, nelle città di tutto il mondo le persone si uniranno per marciare tutte insieme con l'obiettivo di salvare elefanti e rinoceronti dall'estinzione.
A Roma avrà luogo la Global March for Elephants and Rhinos, per chiedere la fine del commercio d'avorio e del corno di rinoceronte a livello mondiale (sia legale o illegale). I dati sono allarmanti: ogni 15 minuti un elefante viene ucciso per l'avorio, ogni 9-10 ore il mondo intero perde un rinoceronte per il suo corno. Animali intelligenti e senzienti perdono la vita per la crudeltà dell'uomo. Walter Caporale, presidente Associazione Animalisti Italiani, commenta ad IntelligoNews: "E' il giorno di San Francesco, il patrono degli animali, della natura, d’Italia. Sarà la giornata internazionale della battaglia contro una delle tante vergogne dell’uomo che sta sterminando due animali meravigliosi: gli elefanti e i rinoceronti. A Roma, al Pantheon, si svolgerà un presidio di tutte le associazioni animaliste e ambientaliste, organizzato dall’associazione Grider, con l'adesione, oltre che dell’Associazione Animalisti Italiani Onlus, di Enpa, Lav, Lipu, Jane Goodall Italia e Oipa. Verso le 20, presso la Chiesa Metodista di Via XX Settembre 123, si terrà un concerto dei Roma Rainbow Choir e del duo Gianluca Ferri-Aldo Roma e tutto il ricavato della serata verrà devoluto all’orfanotrofio di cuccioli di elefanti e di rinoceronti presente a Nairobi, un luogo meraviglioso dove vengono salvati i cuccioli che non hanno più la mamma e il papà perché uccisi dai bracconieri. Sarà l'occasione per conciliare l’amore per la vita e per gli animali, con l’arte e con la musica". La richiesta è chiara: "Tutti gli Stati del mondo devono istituire un divieto totale del commercio di avorio, la Cina deve chiudere le sue fabbriche di intaglio e lavorazione dell'avorio e il Vietnam deve applicare una politica di tolleranza zero in vista del commercio illegale di Rhino Horn che fiorisce in quel paese". Una petizione da firmare, invece, fa il giro del web.   Il mondo unito in difesa del mondo che scompare.  
caricamento in corso...
caricamento in corso...