Restauro Colosseo: i commercianti fanno i Fori a Marino

03 settembre 2013 ore 11:15, Francesca Siciliano
Restauro Colosseo: i commercianti fanno i Fori a Marino
Dopo un'estate bollente la Capitale si sta pian piano riappropriando delle “vecchie” abitudini. Ma al ritorno delle vacanze sono stati soprattutto i cittadini del I Municipio a pagare le conseguenze delle grandi manovre messe in atto dal sindaco Marino e dalla sua giunta mentre loro erano sdraiati al sole.
La pedonalizzazione di parte di via dei Fori Imperiali (da Largo Ricci al Colosseo), già al centro delle polemiche prima dell'estate, ora ha riacceso la miccia nei commercianti e negli abitanti della zone limitrofe. Messa in atto, nonostante i sit-in e le petizioni presentate dai detrattori, in versione beta dal 3 di agosto, ora – a un mese esatto di distanza e con l'autunno, la ripresa delle scuole e del brutto tempo alle porte - torna al centro delle polemiche. Sì, perché si stima che il traffico attorno a quella zona (tra San Giovanni e piazza Venezia) a causa della pedonalizzazione di una porzione di territorio pari a circa 500 metri, comporta (o comunque comporterà) un aumento del traffico di circa il 30% tra via Merulana e via Labicana. È tornato proprio ieri a dare battaglia il Pdl capitolino, guidato da Gianni Alemanno, che ha attaccato il chirurgo dem: «Se quella dei Fori Imperiali è una sperimentazione allora bisogna prevedere di poter tornare indietro - sostiene l'ex sindaco di Roma - perché Marino ha commesso un errore gravissimo nell'accelerare un progetto per pure scopo di immagine. Al termine della sperimentazione ci saranno dei risultati pesantissimi e quindi per il bene di Roma lui deve mettere in conto di poter tornare indietro». Le stime di caos e confusione nel cuore della Capitale, tuttavia, sono destinate ad aumentare ancora nei prossimi mesi. Per fortuna, stavolta, con una connotazione positiva. Partono oggi, infatti, i lavori di ristrutturazione del Colosseo finanziati dal colosso della moda Tod's e del suo patron Diego Della Valle, le cui basi furono gettate già nel 2011 dal sindaco Alemanno. Sono comparse questa mattina, infatti, le prime transenne attorno al monumento per l'avvio del restauro che secondo le stime dovrebbe terminare nel marzo del 2016.    
caricamento in corso...
caricamento in corso...