Marino sfodera il memoriale e quel consiglio (inascoltato) dal Pd. Guerini: "Solo livore"

30 marzo 2016 ore 15:32, Americo Mascarucci
Si intitola "Un Marziano a Roma" anche se il titolo appare forse troppo forzato. 
Perché in fondo il marziano protagonista del libro edito da Feltrinelli altri non è che l’ex sindaco di Roma Ignazio Marino che racconta i suoi due anni di amministrazione capitolina, un’amministrazione nata nel giugno del 2013 e terminata nello studio di un notaio nell'ottobre del 2015 dopo che il Pd ha deciso di staccare la spina al "suo" sindaco. 
Un libro-verità anche se la verità è ovviamente quella raccontata da Marino che cerca di dimostrare in tutti i modi come la sua uscita di scena sia stata voluta dal Pd per ragioni tutt'altro che nobili. Quello stesso Pd che gli avrebbe addirittura "consigliato" di trasferirsi in Usa.
Il Pd stando al Marino - pensiero  ha voluto mettere fuori gioco un sindaco che non avrebbe mai assecondato i giochi di palazzo né le manovre di partito. Marino racconterebbe nelle oltre 300 pagine del libro i condizionamenti più volte subiti da parte del Pd che pretendeva rimpasti sulla base di equilibri di corrente che nulla avevano a che fare con il governo della Capitale. 
"Nel mio libro farò nomi e cognomi" aveva annunciato Marino e quei nomi e cognomi pare ci siano tutti. 
Fra i Dem, anche se molti sembrano non dare troppo peso alla cosa, pare che l’irritazione sia molta anche perché stando a quanto anticipato sembrerebbe che l’ex primo cittadino racconterebbe di come "Mafia Capitale" sia un affare che riguarderebbe larga parte del Pd romano, il quale gli avrebbe messo i bastoni fra le ruote proprio a causa dell’ostinazione nel voler mettere fine a certe pratiche, tagliando le gambe a quei "poteri forti" che in Campidoglio facevano il buono e il cattivo tempo. 

Marino sfodera il memoriale e quel consiglio (inascoltato) dal Pd. Guerini: 'Solo livore'
Naturalmente si tratta di una verità personale che può essere anche confutata da chi nel libro si troverà inevitabilmente sul "banco degli imputati". Ma comunque la si pensi si tratta di un libro destinato a screditare il Pd, quello stesso Pd che con difficoltà sta cercando di riconquistare la guida della Capitale. Un libro che sembra uscire proprio all'inizio di una campagna elettorale che si annuncia infuocata e che in qualche modo presterà il fianco alla propaganda degli avversari politici di Roberto Giachetti, il candidato renziano che cercherà di segnare la discontinuità proprio con l’esperienza della giunta Marino.  
L’ex sindaco racconta anche dell’incontro con Papa Francesco avvenuto il primo febbraio del 2016. Un incontro richiesto dall'ex sindaco stesso per avere un chiarimento con quel Pontefice da lui tanto amato che però di ritorno dal viaggio in Usa non mancò di mettere in difficoltà l’allora sindaco smentendo di averlo invitato a Filadelfia (dove Marino per difendersi dall'accusa di essersi imbucato riferì di essere andato su invito dalla Santa Sede). Le parole di smentita di Francesco contribuirono a screditare ancora di più l’immagine politica di Marino fino a lasciar quasi intendere che fosse sgradito anche Oltre Tevere. Marino riferisce di aver ricevuto dal Papa parole di conforto e la conferma di non aver voluto in nessun modo metterlo in difficoltà o screditarlo agli occhi dell’opinione pubblica. 
Questa è un’altra delle verità di Marino che saranno presentate oggi in conferenza stampa e domani in un incontro pubblico presso la libreria Feltrinelli di via Appia Nuova.

E alla fine arriva la nota di Lorenzo Guerini:"Da Marino oggi solo tanto livore e parole offensive nei confronti del nostro partito. Parole che a quanto pare compaiono nel suo libro in uscita".
Ancora sottolinea il vicesegretario del Pd: "Da ciò che viene riportato da alcuni giornali, esse chiamerebbero in causa anche una mia presunta ingerenza per la nomina di un componente della sua giunta. Fatto che smentisco nuovamente e in modo categorico. Essendo stato sindaco, mi sarei ben guardato dal mettere in discussione la sua autonomia e libertà di scelta".
caricamento in corso...
caricamento in corso...