Dove salta la Saltamartini

04 febbraio 2015 ore 12:27, intelligo
Dove salta la Saltamartini
Terremoto Ncd. Sacconi, Berselli e Saltamartini sono i tre nomi che raccontano il clima dentro il partito che sull’operazione Colle Alfano prima ha portato sulla scheda bianca, poi sul sì a Sergio Mattarella.
Secondo gli spifferi di Intelligonews sarebbe stato non solo il “metodo Renzi” a far saltare i nervi a più di un esponente ma anche il “metodo Alfano” col dietrofront improvviso ma soprattutto con una linea considerata e vissuta dall’interno, come eccessivamente filo-renziana. In queste ore molti dei commenti e delle analisi post-voto-Quirinale, si appuntano sugli effetti all’interno del centrodestra che da questa vicenda esce con le ossa rotte. Ed è su Barbara Saltamartini che si concentrano i rumors, considerato che l’ex portavoce di Ncd è stata autorevole esponente prima di An, poi del Pdl e che nella “piazza” di Roma può vantare un bacino di consenso e di militanza di tutto rispetto. La domanda è: dove approderà la Saltamartini? Da politica che conosce bene le dinamiche che stanno in mezzo tra gli addi e gli approdi, sapientemente si è presa qualche giorno di tempo per riflettere ma soprattutto per non dire il nuovo traguardo al quale probabilmente già guarda. In Transatlantico, la danno in avvicinamento verso la Lega. Congetture, certo, ma corroborate dalla logica dei fatti: se è vero come è vero che Salvini punta a strutturare la Lega da un capo all’altro della Penisola e sulla Capitale ha già iniziato a costruire, Barbara Saltamartini potrebbe essere la “chiave” per consolidare presenza e progetto politico. Gli spifferi che girano in Ncd segnalano a Intelligonews un passaggio significativo nel clima concitato di queste ore: sono le dichiarazioni incrociate tra Salvini e la Saltamartini all’indomani dello strappo con Alfano. Salvini dichiara: “Non facciamo da tram 'salva riciclati'” e spiega che “le persone di buona volontà, con passione, pulite e trasparenti le ascolterò sempre volentieri. Di certo non mi interessano quelli che hanno passato cinque partiti”. Ma sull’ex portavoce di Ncd lascia la porta aperta: “La Saltamartini la conosco e la stimo. E’ una di quelle persone che ha fatto politica per passione, non per le poltrone”. Lei ringrazia il leader della Lega “per le belle e inattese cose che ha detto su di me. E’ vero che in politica ho le mie idee e passioni. Non la faccio puntando a poltrone, tanto è che non me ne hanno mai date...”. Se tre indizi fanno una prova, sul tavolo ce ne sono già due… LuBi
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...