Atac a cinque stelle? No, è il solito moderato disordine a una sola stella

05 settembre 2016 ore 20:31, Luca Lippi
L’operazione trasparenza adottata dalla giunta Raggi si adopera per dire ai romani le cose come stanno senza fare giri e promesse che non si possono mantenere. 
Allora ecco che quanto fino ad ora faceva parte del solito moderato disordine oggi diventa un modello di efficienza, ma nella sostanza nulla cambia perché non è affatto facile cambiare l’ordine delle cose in pochi giorni e spesso neanche in anni. Tutto si trasforma in operazioni di immagine, ma la sostanza resta invariata.
Dall’azienda (Atac) arriva la nota che il servizio pubblico sarà "riprogrammato in base all'effettiva disponibilità di veicoli necessari per la gestione delle corse". Tradotto: mancano le vetture e quindi è necessario sopprimere qualche corsa per oggettive cause di forza maggiore.
Nella stessa nota si legge che “Contemporaneamente è iniziato un programma straordinario di manutenzione dei mezzi per incrementare gradualmente il numero di bus e tram disponibili sino a raggiungere il fabbisogno stabilito dal contratto di servizio tra Atac e RomaCapitale". 

Atac a cinque stelle? No, è il solito moderato disordine a una sola stella

L’8 agosto ultimo scorso, Enrico Stefano (presidente della commissione trasporti), aveva scritto a Rettighieri per avanzare una richiesta ufficiale di "programmazione reale e commisurata alle effettive potenzialità di erogazione".
Utilizzando Facebook, Enrico Stefano ha scritto a proposito della richiesta avanzata a Rettighieri “Dobbiamo essere chiari con i cittadini riguardo Atac. Inutile continuare a pianificare corse che già si sa non potranno essere realizzate, comportando quindi attese impreviste alle fermate e facendo perdere ancora di più credibilità all'azienda. Ho chiesto al Dipartimento e all'Agenzia di procedere per settembre ad una nuova programmazione del servizio, che sia reale e commisurata alle effettive potenzialità di erogazione".
L'assessore alla Mobilità, Linda Meleo punta l'aspetto positivo della notizia (il bicchiere mezzo pieno): “I romani ora sapranno, grazie a dati aggiornati sul web e tramite le app per smartphone, gli effettivi bus in circolazione e i loro orari precisi di passaggio alle fermate. Questo perché abbiamo provveduto a realizzare, su input della commissione capitolina Trasporti guidata da Enrico Stefano, una nuova programmazione delle corse bus basata sull'effettiva disponibilità di mezzi e quindi commisurata alle effettive potenzialità di erogazione del servizio”. Anche questa affermazione è apparsa su face book, ed è un evidente rielaborazione (copia e incolla) del comunicato di Stefano. Semplicemente Linda mineo aggiunge alla replica del messaggio di Stefano “Meglio dire agli utenti non posso garantire, in questo momento, il bus ogni 5 minuti, ma pianifico e mi impegno per garantirlo ogni 15' che dire agli utenti che l'autobus passa ogni 5 minuti e poi questo puntualmente non avviene. Ovviamente il nostro obiettivo, anche grazie ai nuovi bus che arriveranno nei prossimi mesi e all'aumento e alla protezione delle corsie preferenziali, è di recuperare velocemente e alzare il numero delle corse”.
In conclusione, girando e rigirando la questione i fatti non cambiano, così era prima e così è adesso, ma nessuno poteva aspettarsi cambiamenti repentini, cambia solo la forma. Prima era “la solita storia” oggi è sempre la “solita storia” però “almeno ora non ce lo nascondono”. In realtà neanche prima era nascosto, il disagio era, è e rimarrà visibile a chi è costretto ogni giorno a dover utilizzare il servizio di trasporto pubblico.
Intanto Atac seguendo le direttive, fa sapere che “nel corso della settimana, su app e siti Internet, sarà reso noto l'elenco delle corse attive via via che saranno contestualmente aggiornati gli archivi dei dati (?). Temporaneamente, le corse cancellate sono disponibili cliccando su www.atac.roma.it, sezione riprogrammazione del servizio di superficie a partire dal 5 settembre, e scaricando il Pdf con le variazioni". ?

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...