Rocca contro Raggi: "Butta i soldi per i campi rom. E la delibera per la chiusura dov'è finita?"

06 ottobre 2016 ore 14:58, intelligo
Rom e Roma: un argomento spinoso. Lo ribadisce Federico Rocca, responsabile romano enti locali Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale, che non ci sta a far mantenere la situazione quo ante e denuncia strani silenzi in area Campidoglio: "Già nei mesi scorsi abbiamo denunciato il bando per l’apertura di una nuova struttura per l’accoglienza dei rom in XV Municipio chiedendone il ritiro ma la Raggi ha tirato diritto, anzi, sembra intenzionata a voler continuare a mantenere in vita i campi rom con i nostri soldi. A settembre infatti hanno pubblicato un altro bando milionario per la gestione dei 6 villaggi della solidarietà, verrebbe da dire che alla fine tutto cambia affinché nulla cambi". 
Dunque una strada indicata e presentata in Campidoglio il 13 luglio del 2015 - per Rocca - in tempi non sospetti e "con nessuna elezione alle porte. Mi riferisco alla delibera d’iniziativa popolare per la chiusura di tutti i campi rom a Roma e per regolamentazione per la presenza delle popolazioni rom, sinti e caminanti nel nostro territorio.
Da allora solo silenzio, Marino e il PD non fecero mai partire l’iter per l’acquisizione dei pareri da parte degli uffici competenti e dei municipi, pareri necessari per far sì che la delibera arrivi in aula Giulio Cesare".
Ma non risparmia neanche il commissario e quel il silenzio di Tronca al quale - dice - "ho scritto come primo firmatario della delibera per chiedere lumi sull’iter e oggi aggiungo anche il silenzio del Segretariato Generale di Roma Capitale al quale ho scritto il 27 settembre scorso senza ancora ricevere risposta".
"Tanti silenzi e nessuno che sa dirci dove sia finita la delibera, dove si è fermata, dove è stata insabbiata. Il tutto avviene in palese violazione delle norme capitoline ma – prosegue Rocca - spero che gli esponenti del Movimento 5 Stelle che dall’opposizione si battevano per il rispetto delle volontà dei cittadini espressa con le delibere d’iniziativa popolare, vogliano rispettare questo diritto anche ora che governano.
Per quanto mi riguarda se nei prossimi giorni non riceverò risposte esaustive alla mia richiesta, chiederò l’intervento del Prefetto di Roma affinché tirino fuori dai cassetti la nostra delibera per portala in votazione nell’Assemblea Capitolina".
Il tutto mentre si portano avanti bandi milionari per continuare a sperperare i nostri soldi "nei campi della vergogna" come li chiama Rocca.

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...