Giubileo flop, anzi no: prima numeri impietosi, poi il boom di accessi

07 gennaio 2016 ore 14:45, Marta Moriconi
Giubileo flop, anzi no: prima numeri impietosi, poi il boom di accessi
"Numeri impietosi per l'Anno Santo. A dicembre sono calati gli arrivi di pellegrini rispetto a un anno fa. Ancora forte la paura del terrorismo" scriveva il Giornale solo il 31 dicembre 2015. Poi è arrivato l'anno nuovo, che porta via il vecchio (e i suoi numeri). Tutto cambiato: alt!  "Non possiamo parlare di riduzione. Nonostante il contesto nazionale registriamo un deciso aumento delle persone che hanno partecipato in sicurezza a eventi in strada, e in particolare a San Pietro dove i controlli per l'accesso si sono sempre svolti regolarmente e con scrupolo": ha sottolineato il questore D'Angelo durante la conferenza stampa sul rapporto sulla sicurezza a Roma "Una finestra sul primo mese di Giubileo". Poi ha aggiunto: "C'è stata, inoltre, la massima collaborazione da parte di tutti i pellegrini. Successo ha avuto l'idea di pedonalizzare via della Conciliazione. In molti, infatti, sono rimasti nell'area pedonale anche dopo aver visitato San Pietro per poter meglio apprezzare i monumenti". I partecipanti alle pubbliche iniziative nel mese di dicembre del 2015 sono stati 700.676, + il 37,1% rispetto a dicembre 2014 (510.996 persone). Si tratta di "527.900 persone sono state presenti solo nell'area di San Pietro" per D'Angelo, 

I numeri il risultato degli accessi a Roma: dal dicembre 2014 al dicembre 2015 + 2,8% i transiti nei caselli autostradali. Negli aeroporti + 3,6%. Gli accessi portuali? +8,4%. Mancano i treni, e Ferrovie, nel mese di dicembre, registra un segno uguale. E quel benedetto concerto di capodanno che non "s'avea da fare"? Anche qui un successone, per fare rima con concertone: "Rispetto al 2014 quando erano 20mila i partecipanti in piazza l'anno scorso, quest'anno siamo arrivati a toccare punte di 50 mila. Per quanto riguarda le manifestazioni al chiuso abbiamo registrato il tutto esaurito in molti teatri. Abbiamo rinforzato i servizi e filtrato sul concerto tantissime persone nonostante avessimo due tipi diversi di partecipanti perché prima della mezzanotte c'era Edoardo Bennato e poi i Negramaro. La paura dell'Isis non ha impedito di vivere in serenità la notte di Capodanno", e stappa lo champagne e brinda ancora il questore, perché tutto è andato bene (nel 2015).
caricamento in corso...
caricamento in corso...