Asl raggruppate: meno sprechi e più servizi è la promessa di Zingaretti

07 settembre 2015, Micaela Del Monte
Asl raggruppate: meno sprechi e più servizi è la promessa di Zingaretti
Dopo la già avvenuta integrazione delle Asl Rm A ed E è il momento dell’accorpamento delle Asl Rm C e Rm B. 

Così la riduzione delle Asl di Roma Capitale da cinque a tre, oltre che la riduzione delle spese per gli organi aziendali (direzioni generali, amministrative e sanitarie) verrà completata. Riduzione che sarà funzionale per dare piena operatività alle reti ospedaliere dell’emergenza e tempo-dipendenti. 

Le risorse recuperate dalla riduzione delle spese e delle duplicazioni oggi esistenti verranno impiegate per il potenziamento della rete territoriale. 

Ed è così che i cittadini diranno addio alle Asl Rm A, B, C ed E, per lasciare il posto alle nuove Asl Roma 1, che comprende A ed E, Asl Roma 2, dall'unione di B e C, e Asl Roma 3 che consiste nella Roma D e resta sostanzialmente invariata nei suoi confini. La Roma 1 insiste quindi sui municipi 1,2,3, 13, 14, 15 con una popolazione di 1.050.682 abitanti, la Roma 2 copre i municipi 4, 5, 6, 7, 9 per 1.290.266 abitanti e la Roma 3 ha i municipi 10, 11, 12 e Fiumicino con 674.000 residenti. 

Le nuove Asl rispecchiano quindi i confini dei municipi per garantire una maggiore semplificazione amministrativa e la facilitazione nella fruizione dei servizi. 

"Con il decreto di modifica dei programmi operativi già firmato che prevede l'accorpamento delle Asl Roma C e Roma B, e dopo la già avvenuta integrazione delle Asl Roma A ed E, si realizzerà un nuovo e diverso assetto territoriale delle aziende sanitarie della città di Roma – ha spiegato il governatore del Lazio Nicola Zingaretti - per meglio rispondere alle nuove esigenze del territorio di Roma Capitale, dopo la riduzione dei municipi". 

 "La riduzione delle Asl di Roma da cinque a tre, oltre che alla riduzione delle spese per gli organi aziendali (direzioni generali, amministrative e sanitarie), risulta funzionale per dare piena operatività alle reti ospedaliere dell'emergenza e tempo-dipendenti – ha aggiunto Zingaretti-. Le risorse recuperate dalla riduzione delle spese e delle duplicazioni oggi esistenti verranno impiegate per il potenziamento della rete territoriale".
caricamento in corso...
caricamento in corso...