Assist dei rom a Salvini: nuovi scontri con i vigili a Roma. Polemiche e foto

08 aprile 2015, Micaela Del Monte
E' stata trovata questa mattina a Roma, grazie ad una ricevuta parzialmente strappata, una delle ditte dove alcuni furgoni carichi di rottami ferrosi portavano i materiali.

Il conducente di uno dei furgoni è stato arrestato, ma le indagini sono ancora in corso .

Avevano anche tentato in 50 di opporsi al sequestro di uno dei furgoni che transitavano da e per il campo rom, cosa che ha portato ad attimi di tensione tra i vigili e gli abitanti del campo. Le forze dell'ordine però hanno bloccato il del furgone che aveva tentato la fuga e l'hanno poi denunciato.

Il conducente infatti oltre ad aver abbandonato il mezzo, aveva anche cercato di strappare l'intestazione di uno dei documenti di trasporto, per evitare che dati preziosi arrivassero alle forze dell'ordine. Infatti, da una delle ricevute trovate all'interno del furgone, gli agenti sono risaliti ad un deposito di materiali sito in via Nomentana che acquistava ferro, rame e altri materiali. 

Il furgone e il carico sono stati posti ora sotto sequestro.

Ecco le foto della polizia di Roma Capitale.

Assist dei rom a Salvini: nuovi scontri con i vigili a Roma. Polemiche e foto
Assist dei rom a Salvini: nuovi scontri con i vigili a Roma. Polemiche e foto
Assist dei rom a Salvini: nuovi scontri con i vigili a Roma. Polemiche e foto

Sull'argomento "campi rom" è intervenuto anche Federico Rocca, membro della Costituente Romana di Fratelli d’Italia, che ha dichiarato:

"Da anni per mantenere queste centrali di degrado e illegalità la collettività spende milioni di euro e in cambio cosa riceviamo? Delinquenza, reati vari come aggressioni, furti, scippi, rapine, traffico di droga, prostituzione, traffico illegale di rifiuti, rovistaggio nei cassonetti, sfruttamento dei minori per attività illecite, roghi tossici e totale abbandono del progetto di scolarizzazione. Alla luce di tutto ciò chi è non vuole integrarsi? Finiamola con la storia che la colpa è degli italiani cattivi, infatti, siamo tanto cattivi che li manteniamo da anni per subire poi anche i disagi e i danni delle loro attività. I campi vanno superati – ha proseguito Rocca - ma invitando i nomadi a organizzarsi come tutti i cittadini italiani, chi vuole una casa se la compra o se l’affitta, per non parlare dei nostri disoccupati che non ricevono nessun aiuto dallo stato. Perché al contrario questo dovremmo garantirlo ai nomadi? Iniziamo a rispedire a casa tutti colori i quali non sono italiani, comunitari compresi e poi vediamo come proseguire con gli altri, poiché qualsiasi provvedimento stante questa situazione è del tutto irrilevante, il problema è degenerato – ha concluso Rocca - ed è sfuggito completamente di mano e non sarà certamente con i proclami, i convegni e il solito ipocrita buonismo che si risolverà qualcosa".
caricamento in corso...
caricamento in corso...